La scuola che ci piace, la Scuola del Viaggio

Esiste una scuola dedicata al viaggio, considerato un’arte, una disciplina, qualcosa che può essere affinato e migliorato. Se amate scrivere dei luoghi che avete visitato o fotografare quel che vi è rimasto negli occhi, potreste aver voglia di tornare sui banchi di scuola.

Sembra strano ma c’è qualcuno che ha pensato al viaggiare come a una materia di scuola, certo, di una scuola speciale. Parliamo della Scuola del Viaggio, un’associazione che ha iniziato il suo lavoro nel 2005 quando tre Università – PaviaPisa e della Svizzera italiana – hanno collaborato per progettare e sperimentare una scuola che insegnasse a viaggiare.

 

Ciò che si vuole insegnare è la capacità di comprendere e raccontare i luoghi attraverso la scrittura, la fotografia e il disegno. Un luogo quindi dove si uniscano passioni diverse, ma tutte legate al partire, all’andare altrove, a incontrare e vivere il diverso.

 

La Scuola vuole invitare a una riflessione sull’arte di viaggiare, a sperimentare viaggi nei luoghi della geografia e della mente, attraverso i cinque sensi e le pagine dei libri, per sviluppare la capacità di osservare, capire, sentire e raccontare, in compagnia di alcuni tra i maggiori viaggiatori e scrittori di viaggio italiani e stranieri.

 

la scuola del viaggio

 

Per conoscere questa interessante realtà, vengono organizzati dei Week end di tre giorni che si tengono in alcuni dei luoghi più belli d’Italia, di preferenza in strutture di turismo responsabile e sono il modo più facile per incontrare i docenti, e scoprire le varie attività proposte.

 

Durante questi viaggi si alterna il lavoro creativo sul campo con momenti di riflessione e approfondimento, che può poi continuare, in forme più impegnative, nella Summer School.

 

A noi che amiamo prendere e andare, a volte senza pensarci nemmeno tanto sù, immaginare di frequentare una scuola su un momento che viviamo in tutta naturalezza, può risultare insolito.Forse però, dalla riflessione sui viaggi, può nascere qualcosa di altrettanto bello, da esprimere in tutte le forme d’arte.

 

Viaggiare è un’arte che può produrne altra. Buon viaggio.

 

Articoli correlati
Come viaggiare sicuri ai tempi del coronavirus

Dopo Cina e Corea del Sud, è in Italia che si trova la maggior parte delle persone che hanno contratto il Covid-19. Per evitare di diffondere il nuovo coronavirus, molti paesi del mondo hanno vietato l’ingresso agli italiani oppure li obbligano a sottoporsi a controlli severi. Scopriamo come viaggiare sicuri secondo la Farnesina.

Le nuove città della musica

Alla scoperta di cinque nuove città della musica, per divertirsi giorno e notte, sperimentare suoni diversi e incontrare talenti da ogni parte del mondo.