La città delle bestie

Isabel Allende. Feltrinelli

Alexander Cold è un ragazzo americano di quindici anni, che
parte per le Amazzoni con la nonna Kate, giornalista specializzata
in viaggi. La spedizione si svolge all’interno della selva, alla
ricerca di una gigantesca bestia. Insieme alla sua compagna di
viaggio, Nadia Santos, e di un vecchio sciamano di origine
indigena, Alex entrerà a contatto con un mondo a lui
sconosciuto e sorprendente, e tutti insieme vivranno una grande
avventura.
In questo libro,il primo di una trilogia, il realismo magico si
unisce ad elementi nuovi per la Allende, come l’avventura e la
natura.I giovani protagonisti resteranno coinvolti in un viaggio
mozzafiato alla scoperta di qualcosa, tra la realtà ed il
sogno, dove uomini e déi si confondono e dove gli spiriti
camminano con i vivi.
La città delle bestie è considerato un libro
ambientalista per il tipo di tema che affronta, e per le
descrizioni così delicate e al tempo stesso violente della
selva, quella amazzonica, che necessita sempre più, un
grande rispetto da parte dell’uomo.Una lezione di vita all’interno
di una Natura, che è forte, ma fragile, e che è,
soprattutto, unica e irrepetibile.Una favola possibile tra uomo e
natura.

Articoli correlati
Balene. Scacco al capitano Achab!

Nonostante la moratoria internazionale alla caccia alle balene, ogni anno migliaia di cetacei muoiono, uccisi dalle baleniere, come accade nel celebre romanzo di Melville. Ma qualcosa sta per cambiare.

Equitazione e bambini

Uno sport utilissimo per la crescita psico-motoria del bambino. Il rapporto con il pony sviluppa anche il senso della responsabilità e dell’amicizia con l’animale.

Jorge Amado. Cibo da leggere

“Queste sciocche trovano puzzolente la cipolla: che ne sanno loro di aromi puri? A Vadinho piaceva mangiare la cipolla cruda, e il suo bacio sapeva di fuoco”. Jorge Amado – Dona Flor e i suoi due mariti.

Gatto. Il Ragdoll

Nasce negli anni ’60 in California (Usa). La sua totale fiducia nell’uomo lo porta a rilassarsi completamente e ad abbandonandosi proprio come una bambola di pezza (Rag-doll).