La sequenza di Fibonacci in botanica

Le spirali aureee si possono trovare nella distribuzione dei semi nel capolino di molte specie di fiori, nell’ordinamento delle scaglie degli ananas e delle brattee sulle pigne.

I pistilli sulle corolle dei fiori spesso sono messi secondo
uno schema preciso formato da spirali il cui numero corrisponde ad
uno della serie
di Fibonacci
. I pistilli sono disposti secondo questi schemi in
modo da essere uniformemente sparsi su tutta la corolla e non
troppo ammassati al centro (vedi disegno n°1 nella Photo
Gallery).

In molte specie vegetali, prime fra tutte le Astaracee (girasoli,
margherite, ecc) il numero dei petali di ogni fiore è
di solito un numero di Fibonacci, come 5, 13, 55 o persino 377,
come nel caso della diaccola.

Sulla testa di un tipico girasole, per esempio, il numero
delle spirali rientra molto spesso in questo schema: 89 spirali che
si irradiano ripide in senso orario; 55 che si muovono in senso
antiorario e 34 che si muovono in senso orario ma meno ripido.

Le brattee delle pigne si dispongono in due serie di spirali
dal ramo verso l’esterno, una in senso orario e l’altra in senso
antiorario (vedi disegno n°2 nella Photo Gallery). Uno studio
di oltre 4mila pigne di dieci specie di pino rivelò che
oltre il 98 per cento di esse conteneva un numero di Fibonacci nele
spirali che si diramavano in ogni direzione. Inoltre, i due numeri
erano adiacenti, o adiacenti saltandone uno, nella sequenza di
Fibonacci, per esempio 8 spirali in un senso e 13 nell’altro, o 8
spirali in un senso e 21 nell’altro.

Le scaglie dell’ananas presentano un’aderenza ancora
più costante ai fenomeni di Fibonacci: non una sola
eccezione fu trovata in un test compiuto su 2mila ananas.

I numeri di Fibonacci si trovano anche nella fillotassi,
l’ordinamento delle foglie su un gambo o su di un ramo. Le foglie
sono disposte rami in modo tale da non coprisi l’una con l’altra
per permettere a ciascuna di esse di ricevere la luce del sole. Su
molti tipi di alberi le foglie sono allineate secondo uno schema
che comprende due numeri di Fibonacci. Partendo da una foglia
qualunque, dopo uno, due, tre o cinque giri dalla spirale si trova
sempre una foglia allineata con la prima. A seconda della specie,
questa sarà la seconda, la terza, la quinta, l’ottava o la
tredicesima foglia.

Achillea ptarmica
La crescita di questa pianta segue uno schema ben definito (vedi
disegno n°3 nella Photo Gallery).
Ogni ramo impiega un mese prima di potersi biforcare. Al primo mese
quindi abbiamo 1 ramo, al secondo ne abbiamo 2, al terzo 3, al
quarto 5 e così via.

 

Tomaso Scotti

Articoli correlati