La sindrome di Gertrude. Quasi un’autobiografia

che che cos’è? Quali sono i sintomi? Ricordate Gertrude, la Monaca di Monza, personaggio de “I promessi sposi”?

La sindrome di Gertrude. Ma
che che cos’è? Quali sono i sintomi? Ricordate Gertrude, la
Monaca di Monza, personaggio de “I promessi sposi”? Lei non seppe
dire di no. Al padre, alle regole della società, a un uomo,
all’amore, al peccato e a una vita che non voleva. Bene,
analogamente, qui si parla di qualcuno che non riesce a dire di no.
Qualcuno d’eccezione: Lella Costa.

Il sottotitolo chiarisce la
natura del libro, “quasi un’autobiografia”. Lella Costa si
racconta, racconta a cosa non ha saputo dire di no. Non racconta di
intrighi amorosi e famigliari. No, Gertrude dà solo il nome
alla sindrome, ma i sintomi qui descritti non si identificano con
quelli della monaca. Lella Costa racconta in questo libro episodi
della sua (ma anche della nostra, vedrete) vita, le
opportunità che le sono capitate non riuscendo a sottrarsi a
quasi nessuna proposta di avventurarsi in nuove vie e nuovi
percorsi. Personali e artistici.

E’ un libro molto molto
bello, si legge tutto d’un fiato. L’autrice racconta gli incontri
essenziali, i momenti particolari. La famiglia, il lavoro, gli
amici della vita. L’impegno civile. Ma anche cose più leggere,
come la sua passione per le scarpe e per la moda. Tra impegno e
frivolezza, con un tocco colto e ironico, divertente. Sempre
appassionato. Sì, perché è proprio questo che si
sente leggendo. La passione di una donna, per tutto quello che fa.
La passione che la conduce a dire sì, a sperimentare. E a
raccontare poi con brillantezza, ironia e con una particolare
intelligenza, quella del cuore.

Un libro che si legge tutto d’un fiato. Che fa sorridere, ridere,
ma anche commuovere, pensare. Qui parla di
se stessa Lella Costa, ma forse parla anche di tutti noi. Per
questo è “quasi un’autobiografia”, perché racconta
episodi della recente storia italiana che ci riguardano tutti. Ci
si sente estremamente coinvolti in queste pagine. E ci si sente a
casa, quasi.

Se non lo siete già
stati, vi consigliamo di farvi colpire dalla “sindrome di Gertrude”
e di dire di sì a questo libro!

Articoli correlati
Ultima chiamata

Il regista Enrico Cerasuolo con la collaborazione di Gaetano Capizzi, direttore di Cinemambiente, e di Luca Mercalli, uno dei più famosi climatologi italiani, hanno deciso di farne un documentario che cerca di capire, a quarant’anni di distanza, se siamo ancora in tempo per cambiare le nostre abitudini, se siamo ancora in tempo per un’ultima chiamata.

Ambrosoli. Qualunque cosa succeda

La storia di Giorgio Ambrosoli raccontata dopo trent’anni dal figlio, che ricostruisce i fatti attraverso i ricordi, le agende del padre, i documenti processuali, articoli e filmati d’archivio.

Ambrosoli. Liberi e senza paura

Il percorso che ha portato Umberto Ambrosoli alla candidatura in Lombardia. Un’intervista esclusiva, il lessico ambrosoliano, la cronaca delle primarie. Lo sguardo di un uomo sul patto civico che vuole rinnovare la società.

10 #natalibri, i libri per il Natale

Le vacanze di Natale sono il momento ideale per leggere: al calduccio, sotto una coperta morbida, con la neve che scende e non fa rumore. Ecco i nostri 10 consigli.