La vita che vorrei

Giuseppe Piccioni dirige un gioco di specchi fra cinema e realtà, un film dentro un film che evidenzia la distanza tra arte e vita.

Laura, poco più che trentenne e con un’incerta carriera
di attrice alle spalle, viene
scelta come protagonista per girare un film in costume ambientato
nell’Ottocento,
che narra di una sfortunata storia d’amore.
Sul set fa la conoscenza di Stefano,
trentacinquenne attore piuttosto affermato, che torna a recitare
dopo un film non
riuscito. Tra i due nasce una relazione che ripercorre nella
realtà le tappe e gli
sviluppi della storia recitata sul set.

 

Articoli correlati