Le “3 R”

Riduci, riusa, ricicla. a si crea, a si distrugge, tutto si recupera. Le parole d’ordine dei tempi moderni sono scandite dalle 3R.

Riduci. Riusa. Ricicla. Ecco le 3 R. Compiendo questi tre passi nell’ordine,
ognuno, un’impresa grande o piccola, un’attività, ogni
persona, ognuno ha tutto da guadagnare.

Riduci.
Significa molte cose, a partire
dall’eco-design. Per studiare il processo del riciclaggio bisogna
partire dalla progettazione. Secondo stime dell’Unione Europea,
infatti, l’80% delle ricadute ambientali di un prodotto sono
originate in questa fase: quindi durante la progettazione devono
essere effettuate
le scelte più importanti
riguardo i
materiali da impiegare
, i metodi costruttivi:
interessante la strategia “Design for Environment”. Ridurre
significa anche ridurre i consumi energetici e aumentare
l’efficienza attraverso l’impiego delle migliori tecnologie: le
apparecchiature per ufficio oggi consumano l’80% di energia
elettrica in meno rispetto alle stesse degli anni Novanta.

Riusa.
Significa pensare a un riutilizzo del
prodotto prima di buttarlo. A partire dall’abbandono della
filosofia “usa&getta”, è possibile
privilegiare gli acquisti durevoli
, di qualità,
capaci di garantire la massima longevità. Ricaricare,

usare “con stile”, attenzione e rispetto
,
esercitare la creatività
per riutilizzare tutto
quel che si può per un secondo impiego, garantiscono un
impatto più leggero sull’ambiente.

Ricicla.
Dopo aver ridotto e riutilizzato,
riciclare significa avviare il prodotto verso un corretto percorso
di disassemblaggio e riuso delle sue
diverse materie
. Vuol dire ridurre i conferimenti in
discarica, aiutare l’ambiente, influire positivamente sulla
comunità evitando le frequenti “emergenze rifiuti”,
incentivare nuove tecnologie e nuove strade progettuali e
commerciali.
Per esempio, è il 98% energeticamente più efficiente

riciclare una lattina d’alluminio
piuttosto che farne
una nuova da materie prime grezze. Il vetro ha
mille virtù
. La carta è
facile da raccogliere
. Le materie plastiche vengono
dal petrolio:
riciclandole
, ci si risparmia l’uso di combustibili
fossili. Infine, si riduce la spazzatura (sporca, disordinata,
nociva per l’ambiente e per le acque) e
si evita di creare nuove discariche
(che nessuno vuole
nella sua città).

Articoli correlati