Le piante magiche. Dall’antichità al Rinascimento

Un piccolo classico dell’esoterismo di fine Ottocento questo libro.

L’autore, Emile Gilbert, illustre clinico ed esoterista,
analizza le sostanze usate nella tradizione magica nel Medioevo e
nel Rinascimento.

Alle erbe e alle piante, sin dall?antichità si
attribuivano proprietà curative e terapeutiche. Le piante
costituivano non solo rimedi per curare mali fisici, ma rimedi
anche capaci di influire sulla psicologia delle persone. Non solo
venivano curate le malattie fisiche quindi, ma veniva scacciato il
demonio che era ritenuto abitare le persone. Della pianta non si
faceva un uso limitatamente medicinale, ma più ampio, in
collegamento con le energie delle persone, con delle forze
superiori e trascendenti. Un uso magico, insomma.

E? la magia racchiusa nel segreto delle piante che si respira in
queste pagine. Si fa un tuffo nel passato leggendo le parole di
Gilbert, anche linguisticamente parlando.
Gilbert racconta di droghe, profumi, essenze usati nelle
stregonerie in diversi periodi storici e traccia un interessante
percorso letterario delle opere in cui queste erbe e i loro
utilizzi magici compaiono.

Una piccola gemma quest?opera, un soffio di magia tra stregoni e
intrugli magici, letteratura e cultura antica. Consigliato a tutti
i più curiosi!


Silvia Passini

Articoli correlati
Balene. Scacco al capitano Achab!

Nonostante la moratoria internazionale alla caccia alle balene, ogni anno migliaia di cetacei muoiono, uccisi dalle baleniere, come accade nel celebre romanzo di Melville. Ma qualcosa sta per cambiare.

Equitazione e bambini

Uno sport utilissimo per la crescita psico-motoria del bambino. Il rapporto con il pony sviluppa anche il senso della responsabilità e dell’amicizia con l’animale.

L’evoluzione a fumetto

Tutto evolve. Muta. Cambia nel corso del tempo. Dalle specie animali e vegetali alle nostre conoscenze, da un singolo festival al concetto di “cosa sia” arte a quello di “cosa sia” letteratura. Il Festival Internazionale del Fumetto, del Gioco e dell’Illustrazione parla proprio di questo.