Licia Colò. C’era una volta una gatta

Tante storie di animali rimasti nel cuore. Amici a quattro zampe, ma anche a due, diventano i protagonisti di storie di amore e di amicizia.

Pochi anni fa Licia Colò scrisse due libri “Cuore di
gatta” e “L’ottava vita” raccontando della sua micina Pupina,
compagna di vita per molti anni, amica e sorella, che era scomparsa
da poco tempo. Scrivendo della vita di Pupina, Licia ha parlato
anche della sua vita, delle evoluzioni, dei momenti di stasi, dei
momenti di gioia, ma anche dei momenti tristi. Esorcizzando con la
scrittura il dolore per la scomparsa e per il vuoto, l’autrice ha
compiuto una catarsi su se stessa, rivivendo anche i momenti
più delicati della propria vita in cui sempre, accanto a
lei, c’era la sua Pupina.

 

Moltissime persone, sentendosi coinvolte nelle pagine scritte
da Licia, sentendo le sue stesse emozioni, hanno deciso di prendere
carta e penna e scrivere le esperienze di vita con i loro animali.
Pupina non è sola, ha tantissimi amici, che continuano a
vivere. E alcune delle loro storie sono in queste pagine.

 

Chi ama gli animali e sa cosa significa vivere con loro, sa
che riescono ad entrare in empatia con noi e con i nostri
sentimenti, gioiscono con noi quando stiamo bene, ci aspettano a
casa e ci accolgono guardandoci con i loro occhietti luminosi. Ma
riescono anche starci accanto nei momenti di sofferenza, senza
l’imbarazzo e l’omertà che spesso caratterizza gli esseri
umani.

 

Un libro che commuove, che con storie semplici arriva
direttamente al cuore. Non solo, è anche utile perché
tutti i proventi ricavati dalle vendite verranno devoluti al Fondo
Pupina di Animalieanimali Onlus per realizzare iniziative di
solidarietà sociale a favore degli animali e dell’ambiente.

 

Articoli correlati
Quattro zampe in tribunale

Diventando a tutti gli effetti membri delle nostre famiglie, gli animali finiscono loro malgrado nelle liti e nelle vendette umane. Come affrontare queste situazioni? Quali sono le norme da conoscere?

Tiziano Terzani: lettere contro la guerra

Tiziano Terzani scriveva questo libro tra 2001 e 2002, immediatamente dopo l’attacco alle Torri Gemelle. Ricordiamo il suo lungo pellegrinaggio di pace che non smette mai di essere attuale.