La nuova capitale dell’Indonesia si chiamerà Nusantara. Addio a Giacarta per colpa del clima

Piogge, inondazioni, sovrappopolamento. Il governo dell’Indonesia vuole trasferire la capitale da Giacarta ad un luogo considerato più sicuro.

Aggiornamento 19 gennaio 2022 – La nuova capitale dell’Indonesia si chiamerà Nusantara. E ad oggi ancora non esiste. Il parlamento della nazione asiatica ha approvato l’addio all’attuale capitale, Giacarta, e l’edificazione della nuova, che sorgerà a circa duemila chilometri di distanza, sull’isola del Borneo. Il progetto era già stato annunciato nel 2019 dal presidente Joko Widodo.

Nusantara occuperà più di 56mila ettari, inizialmente, e potrebbe raggiungere i 256mila ettari. Le autorità indonesiane hanno affermato che la città sarà concepita al fine di essere “ad emissioni zero”: “Si tratterà di una capitale intelligente, che potrà rappresentare un centro per l’innovazione”. Il budget messo a disposizione per il progetto equivale a circa 33 miliardi di dollari; i lavori dovrebbero cominciare quest’anno.


Le inondazioni che hanno colpito nei mesi scorsi l’Indonesia hanno provocato decine morti. I danni materiali, inoltre, sono stati enormi. E migliaia e migliaia di persone sono state costrette ad abbandonare le loro case: duemila soltanto nella capitale, Giacarta.

“Nel 2050 il 95 per cento della porzione settentrionale di Giacarta sarà sommerso”

Una situazione, quella della metropoli asiatica, che da anni continua a precipitare, a causa dei cambiamenti climatici. I cui effetti sono particolarmente evidenti in questa regione, con piogge torrenziali e tsunami che si moltiplicano. Così, il governo indonesiano sta riflettendo ad una soluzione drastica: spostare la capitale al di fuori dell’isola di Java.

“Analizzando i nostri modelli – ha spiegato Heri Andreas, esperto di gestione del suolo, parlando alla Bbc nell’agosto del 2018 – possiamo affermare che, di qui al 2050, circa il 95 per cento della porzione settentrionale di Giacarta verrà sommerso”. La situazione della capitale è d’altra parte particolarmente critica a causa del fatto che, già oggi, circa il 40 per cento del territorio è situato al di sotto del livello del mare.

giacarta inondazioni
La capitale dell’Indonesia Giacarta durante un’inondazione nel 2014 © Oscar Siagian/Getty Images

E quest’ultimo è destinato inesorabilmente a crescere nei prossimi decenni, a causa dello scioglimento dei ghiacci polari. Un processo che durerà secoli, secondo quanto indicato dallo Special Report Sr15 pubblicato dal Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico (Ipcc) nell’ottobre del 2018.

La città colpita dai cambiamenti climatici e da uno sviluppo incontrollato

Inoltre, la porzione nord della città è letteralmente sprofondata negli ultimi dieci anni, a causa di uno sviluppo urbano gigantesco e caotico. “L’estrazione di acqua dalle falde ha raggiunto livelli senza precedenti”, ha spiegato Fook Chuan Eng, specialista della Banca mondiale, parlando all’agenzia Reuters. “Gli abitanti – ha aggiunto – scavano sempre più in profondità. E il livello del suolo di abbassa”.

Per questo il presidente Joko Widodo ha invitato i propri concittadini a scegliere la città che preferiscono come nuova capitale dell’Indonesia. Secondo la stampa locale, la nuova sede del governo potrebbe alla fine essere fissata a Palangka Raya, sull’isola del Borneo. La decisione, tuttavia, non convince tutti.

giacarta inondazioni
Il governo dell’indonesia vuole spostare la sede del governo da Giacarta ad un luogo più sicuro rispetto ai cambiamenti climatici © Ed Wray/Getty Images

Esiste infatti un problema finanziario: secondo la stampa internazionale, spostare tutte le sedi amministrative potrebbe comportare un lavoro lungo un decennio e costare fino a 33 miliardi di dollari. Inoltre, c’è chi si domanda se si tratti della strategia giusta: “Così non si risolve il problema – ha osservato al quotidiano The Guardian Elisa Sutanudjaja, direttrice del Centro di studi urbani di Rujak -. Giakarta è simile a com’era Tokyo negli anni Sessanta, con i crolli nel suolo, le inondazioni, le catastrofi naturali e il sovrappopolamento. Se si vuole affrontare sul serio la questione, occorrono soluzioni, non fughe”.

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

L'autenticità di questa notizia è certificata in blockchain. Scopri di più
Articoli correlati
India, temperature alle stelle: verifiche su un valore di 52,9 a Nuova Delhi

Martedì 28 maggio due stazioni meteorologiche situate nella capitale dell’India, Nuova Delhi, hanno registrato una temperatura record. Ben 52,9 gradi centigradi all’ombra. un valore straordinario e che supera perfino quello registrato nel maggio del 2022, quando la colonnina di mercurio aveva raggiunto i 49,2 gradi. La settimana scorsa quasi 48 gradi centigradi a Nuova Delhi