Maggio e giugno: raccolta di fiori

In questa stagione si fa la raccolta della viola del pensiero e i fiori di papavero e di sambuco. I fiori del sambuco, sono piccoli, biancastri e profumati

A partire da questa stagione, fino a tutto il mese di agosto,
possiamo raccogliere i fiori della viola del pensiero. E’ottimo
come drenante cutaneo, contro le impurità della pelle, acne,
eczemi, dermatiti e psoriasi. E’una piccola pianta abbastanza
frequente dal mare alla regione subalpina nei campi coltivati,
specialmente a grano. L’infuso dei suoi fiori ha anche
proprietà batteriostatiche e micostatiche, protettive della
circolazione, antinfiammatorie e antiossidanti.

I fiori del sambuco, piccoli, biancastri, riuniti in ampi corimbi
apicali, sono profumati e si usano per la preparazione di dolci e
liquori. L’infuso è considerato tradizionalmente sudorifero,
diuretico, febbrifugo.

E se soffrite d’insonnia fate una passeggiata tra prati a maggese e
campi di grano: è la stagione dei papaveri! Con i loro
petali essiccati all’ombra si prepara un tè leggero di
sapore amarognolo e di un bel colore rosso scuro che può
favorire il sonno e calmare la tosse.

Elena Giusti
Erborista

Articoli correlati