Conferenze sul clima

Sono andati a piedi dall’Olanda a Parigi. Per difendere l’ambiente

L’associazione olandese Urgenda ha organizzato The Climate Miles: una marcia lunga 580 km, dall’Olanda alla Francia, per chiedere di salvare la Terra.

Sono partiti il 1 novembre da Utrecht, in Olanda, e arriveranno domani a Parigi. Niente auto, moto o aerei: i quasi seicento chilometri di strada che dividono le due città sono stati percorsi a piedi, in ventotto giorni. Obiettivo: raggiungere la capitale francese alla vigilia dell’avvio della Conferenza mondiale delle Nazioni Unite sul Clima, la Cop 21, e chiedere un’azione immediata per lottare contro i cambiamenti climatici.

L’iniziativa, chiamata “The Climate Miles” è stata ideata dall’associazione olandese Urgenda. La stessa che, nello scorso mese di giugno, era riuscita a far condannare i Paesi Bassi, da un tribunale dell’Aia, a ridurre le proprie emissioni di gas ad effetto serra, dopo aver guidato circa novecento cittadini in un’inedita “class action ambientalista” contro il loro governo.

Studenti, docenti, personaggi famosi, politici, imprenditori, contadini hanno dato vita all’impresa. Chi percorrendo interamente i 580 chilometri di strada, chi calpestandone soltanto un tratto. Tra di loro, i meteorologi Margot Ribberink e Reinier van den Berg, l’astronauta Andre Kuipers, l’imprenditore inglese Jeremy Leggett, l’attore Pieter Derks. E ancora scienziati e gruppi di studenti arrivati dall’Australia, dalla Nuova Zelanda, dagli Stati Uniti, dal Regno Unito e dall’Etiopia.

 

 

Scarpe da ginnastica ai piedi, a colpi di venti o venticinque chilometri al giorno (con una pausa ogni settimana), la carovana ambientalista ha toccato le città di Essen, Anversa, Bruxelles, Saint-Quentin. Fino ad arrivare alle porte della metropoli parigina. Lungo la strada, hanno picchettato cartelli che ricordano l’importanza della sfida ambientale.

 

marcia urgenda utrecht parigi
La marcia dell’associazione olandese Urgenda, dai Paesi Bassi alla Francia, per chiedere di agire in difesa dell’ambiente ©Urgenda/Chantal Bekker

 

“Vogliamo dimostrare che si può effettuare fin da subito una transizione verso una società sostenibile: la nostra è una marcia ideale verso un mondo libero da fonti fossili”, aveva spiegato Marjan Minnesma, presidente di Urgenda, poco prima della partenza da Utrecht. L’associazione ha pubblicato un rapporto, nel 2014, nel quale spiega che una nazione come quella olandese potrebbe completare la transizione energetica verso le fonti rinnovabili già entro il 2030. È solo una questione di volontà politica, dunque: “La nostra – ha aggiunto Minnesma – è la prima generazione che comincia a percepire gli effetti dei cambiamenti climatici e, al contempo, l’ultima che può fare qualcosa per combatterli. Con la nostra marcia, vogliamo ricordare al mondo che il momento di agire è arrivato”.

 

Articoli correlati