32 protagonisti dell’Italia migliore premiati dal presidente Mattarella

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha insignito dell’onorificenza al Merito 32 cittadini che si sono resi protagonisti di atti di coraggio o iniziative di particolare valore sociale: l’esempio dell’Italia migliore.

Un premio all’Italia migliore, alla società civile, a normali cittadini che si sono contraddistinti per gesti speciali di altruismo, impegno nella solidarietà, nel soccorso, nell’aiuto a persone in difficoltà, nell’integrazione e, non ultima, nella tutela dell’ambiente. Così va letta la decisione del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, di premiare 32 persone, 32 volti non famosi ma che hanno fatto parlare le proprie azioni, concedendo loro l’onorificenza al Merito della Repubblica. Trentadue storie, 32 esempi significativi “di impegno civile, di dedizione al bene comune e di testimonianza dei valori repubblicani” spiega il Quirinale: giovani, anziani, professionisti, persone che hanno dedicato la loro vita a un obiettivo sociale o semplici eroi per caso, sono un esempio dell’Italia migliore. “Si tratta di persone cui va tutta la mia ammirazione – ha spiegato Mattarella nella cerimonia di premiazione al Quirinale – perché hanno fatto del bene senza aspettarsi alcun tipo di visibilità: questo premio per loro è una sorpresa. Va ribadito con garbo ma con fermezza che preoccuparsi del bene comune non è buonismo, non è una cosa da Libro Cuore, ma l’essere consapevoli che la convivenza è questione comune, rendersi conto che è necessario attivarsi per il progresso della società in tutti i settori. C’è un legame strettissimo tra diritti e solidarietà, e questo è quello che anche la Costituzione indica”. Ecco, uno per uno, i premiati dal presidente.

Alessandra Rosa Albertini, 68 anni (Pavia), Commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana“Per la esemplare generosità con cui ha sostenuto, in prima persona, la ricerca scientifica ribadendo il suo strategico valore per il futuro del nostro Paese”

Gaetano Angeletti, 76 anni (Corridonia-MC), Commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana: “Per il suo quotidiano impegno nel sostegno alle famiglie con problemi di disagio giovanile e nel contrasto alla tossicodipendenza”  

Pompeo Barbieri, 25 anni (San Giuliano di Puglia – CB), Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana: “Per il suo encomiabile esempio di reazione alle avversità e di impegno sociale”

Suor Gabriella Bottani, 55 anni (Milano), Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana: “Per la totale dedizione con cui da anni è impegnata nella prevenzione, sensibilizzazione e contrasto alla tratta degli esseri umani”  


Christian Bracich, 44 anni (Trieste), Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana: “Per il suo esemplare contributo nella promozione di politiche aziendali fondate sulla conciliazione tra vita professionale e familiare e sulla tutela del valore della persona anche nel mondo del lavoro”

Romolo Carletti (noto come Romano), 84 anni (Montemignaio – FI), Commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana: “Per lo straordinario esempio di generosità e solidarietà che lo ha visto ogni giorno accompagnare a scuola un bambino non vedente altrimenti impossibilitato a frequentarla”  

Elisabetta Cipollone, 57 anni (Milano), Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana: “Per il suo encomiabile impegno, in memoria del figlio Andrea, per garantire l’accesso all’acqua potabile in Paesi disagiati”

Maria Coletti, 50 anni (Roma), Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana: “Per l’appassionato e coinvolgente contributo a favore di una politica di pacifica convivenza e piena integrazione”  

Giovanna Covati, 58 anni (Piacenza), Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana: “Per lo straordinario coraggio e altruismo con cui, senza esitazione, ha protetto, con il proprio corpo, una bambina dal violento impatto con un trattore fuori controllo”

Samba Diagne, 52 anni (Senegalese) Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana: “Per il suo prezioso contributo in soccorso di un caporalmaggiore dell’esercito italiano aggredito con delle forbici e ferito dall’attentatore a Milano”  

Giuseppe Distefano, 70 anni (Riposto – CT), Commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana: “Per la sua dedizione e il suo encomiabile impegno nella divulgazione e promozione della cultura del dono degli organi”

Emanuela Evangelista, 51 anni, Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana: “Per il suo costante impegno, in ambito internazionale, nella difesa ambientale, nella tutela delle popolazioni indigene e nel contrasto alla deforestazione”  

Marco Giazzi, 26 anni (Castiglione delle Stiviere – MN), Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana: “Per il suo esempio e l’ammirevole contributo nell’affermazione dei valori della correttezza sportiva e della sana competizione nel mondo dello sport”

Dino Impagliazzo, 89 anni (Roma), Commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana: “Per la sua preziosa opera di distribuzione di pasti caldi e beni di prima necessità ai senzatetto presenti in alcune stazioni ferroviarie romane”. A Roma è conosciuto come lo Chef dei poveri.

Claudio Latino, 59 anni (Aosta), Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica ItalianaPer lo straordinario impegno e la dedizione ai valori del volontariato in favore delle persone in condizioni di disagio”

Donato Matassino, 85 anni (Ariano Irpino-AV), Commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana: “Per il suo generoso contributo per il sostegno al diritto allo studio per i bambini nei Paesi svantaggiati e per la promozione della ricerca scientifica in Italia”  

Stefano Morelli, 42 anni (Roma) Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana“Per il prezioso contributo che offre in ambito internazionale operando gratuitamente bambini affetti da labiopalatoschisi, ustioni e traumi di guerra”

Alfredo Murgo, 52 anni (L’Aquila), Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana: “Per il suo contributo, quale libraio, nella tenuta della coesione sociale della comunità aquilana duramente colpita dai terremoti del 2009 e del 2016”  


Greta Reinberg Mastragostino, 89 anni (Genova), Commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana: “Per portare avanti con passione e dedizione il servizio dell’associazione, fondata dal marito, Silvano Mastragostino, impegnata nel recupero chirurgico-ortopedico di bambini ed adolescenti in due missioni del Kenya”

Mauro Pelaschiar, 70 anni (Monfalcone – GO), Commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana: “Per il suo autorevole contributo nella sensibilizzazione al rispetto e alla tutela degli ecosistemi marini”  

Giacomo Perini, 23 anni (Roma), Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana: “Per la sua straordinaria testimonianza in prima persona della forza e delle difficoltà proprie dei pazienti oncologici”

Angelo Pessina, 57 anni e Francesco Defendi, 55 anni (Bergamo), Ufficiali dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana: “Per il coraggio e l’altruismo con cui, a proprio rischio, sono intervenuti in soccorso dei passeggeri del velivolo privato che, nel settembre 2019, in provincia di Bergamo, è precipitato al suolo, prendendo fuoco”  


Massimo Pieraccini, 56 anni (Firenze), Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana: “Per il suo encomiabile contributo, la cura e la costanza con cui da anni è impegnato nelle delicate attività di trasporto urgente connesse a donazione e trapianto di organi”

Giuseppe Pistolato, 93 anni (Venezia), Commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana: “Per l’impegno profuso, nel corso della sua vita, nella promozione del valore della solidarietà”

Paolo Pocobelli, 48 anni (Milano), Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana: “Per la forte testimonianza offerta e l’instancabile contributo alla rimozione dei limiti e alla promozione di una politica di pari opportunità per le persone con disabilità rispetto alle attività di volo”

Tiziana Ronzio, 49 anni (Roma), Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana: “Per l’impegno e lo spirito di iniziativa con cui si dedica alla riqualificazione strutturale e sociale del quartiere di Tor Bella Monaca a Roma”

Rosalba Rotondo, 61 anni (Scampia – NA), Commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana: “Per la sua totale dedizione alla formazione delle giovani generazioni all’insegna della tutela del diritto allo studio e della piena inclusione delle minoranze”

Carlo Santucci, 34 anni (Roma), Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana: “Per l’altruismo e l’impegno profuso nel delicato intervento di primo soccorso che, nell’agosto 2019, ha permesso di salvare la vita a una donna in arresto cardiaco su un treno austriaco diretto a Dobbiaco”

Mons. Filippo Tucci, 90 anni (Roma), Commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana: “Per aver dedicato tutta la sua vita all’accoglienza e all’inclusione delle persone in condizioni di disagio e di abbandono”.

Angel Micael Vargas Fernandez, 20 anni (Casalmaiocco – LO), Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana: “Per il suo coraggioso intervento in soccorso di un bambino di 4 anni che stava precipitando da un balcone di un edificio”

Riccardo Zaccaro, 22 anni (Roma), Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana: “Per il coraggio e l’altruismo con cui, a proprio rischio, è intervenuto in soccorso di una coppia di anziani rimasti intrappolati dalle fiamme”

Articoli correlati