Mia figlia è una iena

E’ un antimanuale questo libro. Non propone ricette su come far addormentare i bambini, su come tenerli buoni, ma anzi racconta avventure e disavventure di una neomamma


Ascolta l’intervista all’autrice

Un libro sull’avventura della maternità. Pappe, coccole,
nanne e sorrisi? No, no, qui si parla della concretezza, della
missione impossibile che il più delle volte è la
maternità. I giornali e i libri tematici spesso propongono
un’immagine della mamma dolce e conciliante, che perde la sua
femminilità nel momento in cui partorisce per assumere il
ruolo di mamma perfetta. Ma nessuno è perfetto!

 

E’ un antimanuale questo libro. Non propone ricette su come
far addormentare i bambini, su come tenerli buoni, ma anzi racconta
avventure e disavventure di una neomamma, Francesca Del Rosso alle
prese con la sua piccola Angelica, una iena che di angelico ha solo
il nome. “Chiedo a qualunque genitore di provare per un momento a
uscire dal proprio corpo e guardare la sua famiglia dall’alto
oppure, peggio, con gli occhi del vicino di casa. I vostri figli vi
sembrano ancora belli, teneri, simpatici ed educati? Oppure sono
come tutti gli altri bambini del mondo, e cioè dei cuccioli
di uomo dispettosi, bruttini e indisciplinati?”.

 

Con grinta e graffi di ironia a volte mordace l’autrice
racconta l’esperienza della sua maternità in tanti
capitoletti e alla fine di ognuno ci sono tre parti: “la morale
della favola”, “lo zampino della nonna” e quattro righe vuote, dal
titolo “vuota il sacco” in cui le mamme-lettrici possono scrivere
le loro confessioni senza sensi di colpa.

 

Leggere questo libro sdogana certi pensieri rompendo i
cliché zuccherosi della maternità e dicendo quello
che tutte le mamme pensano, ma non dicono per pudore o per senso di
colpa.

 

Una gradevole lettura per future mamme e le neomamme e per
tutti quelli che vogliono farsi quattro risate. Pieno di ironia,
strappa sorrisi e soprattutto… lenisce i sensi di colpa!
Perché essere imperfetti è normale, perché le
mamme vere non sono quelle sempre sorridenti e spensierate delle
pagine dei giornali!

Articoli correlati
Ultima chiamata

Il regista Enrico Cerasuolo con la collaborazione di Gaetano Capizzi, direttore di Cinemambiente, e di Luca Mercalli, uno dei più famosi climatologi italiani, hanno deciso di farne un documentario che cerca di capire, a quarant’anni di distanza, se siamo ancora in tempo per cambiare le nostre abitudini, se siamo ancora in tempo per un’ultima chiamata.

Ambrosoli. Qualunque cosa succeda

La storia di Giorgio Ambrosoli raccontata dopo trent’anni dal figlio, che ricostruisce i fatti attraverso i ricordi, le agende del padre, i documenti processuali, articoli e filmati d’archivio.

Ambrosoli. Liberi e senza paura

Il percorso che ha portato Umberto Ambrosoli alla candidatura in Lombardia. Un’intervista esclusiva, il lessico ambrosoliano, la cronaca delle primarie. Lo sguardo di un uomo sul patto civico che vuole rinnovare la società.

10 #natalibri, i libri per il Natale

Le vacanze di Natale sono il momento ideale per leggere: al calduccio, sotto una coperta morbida, con la neve che scende e non fa rumore. Ecco i nostri 10 consigli.