Miltonia: come curare questa orchidea

Le piante e i fiori, in appartamento o in giardino, abbelliscono i nostri spazi, donano allegria, colorano le stanze, purificano l’aria. Da un’idea del Flower Council of Hollande, tutto quello che c’

Chiamata anche l’orchidea del pensiero per la somiglianza dei suoi fiori con la viola del pensiero, la Miltonia (Miltonia spectabilis) è originaria del Sud America dove cresce spontanea in Brasile, Argentina, Paraguay e Colombia, in luoghi umidi, all’ombra, o spesso lungo le sponde dei fiumi. I fiori sprigionano fraganze esotiche, mentre i colori incantano per le varie tonalità di viola, ma non mancano i rossi e i gialli.

Come curare l’orchidea Miltonia

I bellissimi fiori dell'orchidea mintonia, ©Ingimage
I bellissimi fiori dell’orchidea miltonia, ©Ingimage

La miltonia non si accontenta di un angolo buio, esige un luogo esposto alla luce, ma non ama la luce diretta o il pieno sole. Ogni settimana il vaso con le radici va immerso in acqua, mentre ogni mese occorre somministrare del fertilizzante per orchidee. Ha una spiccata predilezione per un’alta umidità dell’aria, tanto da adorare le nebulizzazioni periodiche con lo spruzzino per piante (cure con cui ricreare le condizioni atmosferiche delle sue terre d’origine).

Perché scegliere la miltonia -o un’altra pianta- per abbellire la casa

A chi non piace un soggiorno abbellito da un poderoso ficus? Non aggiunge un piacevole tocco colorato un’orchidea vicino alla finestra del bagno? Lo conferma anche uno studio della Nasa di qualche anno fa. Le piante ci aiutano a vivere meglio. Esseri speciali che ci regalano benessere, in cambio di poche cure.

Perché allora non promuoverne una maggiore conoscenza e sviluppare così una consapevolezza condivisa disponibile per tutti? C’ha pensato il Flower Council of Holland, ovvero l’ente che raggruppa i floricoltori olandesi in Italia e che dedica attenzione alla sensibilizzazione del grande pubblico nei confronti delle piante in vaso. A fronte di una piccola dose di cure e attenzioni, le piante ci offrono fresca vitalità, atmosfera positiva e rilassante e un senso di legame costante con la natura e le nostre radici.

Le piante – spiega Martin Kater, ricercatore associato all’Università degli studi di Milano e coordinatore nazionale del Fascination of Plants Day – oltre ad essere all’origine di tutti gli alimenti che consumiamo, sono una fonte essenziale di materie prime e costituiscono una componente fondamentale sia del paesaggio che degli ecosistemi acquatici e terrestri. Per il crescente bisogno di una economia sostenibile, nei prossimi anni l’agricoltura e le piante giocheranno un ruolo fondamentale per un nuovo modo di produrre basato sull’utilizzo di risorse rinnovabili e su processi ecologicamente sostenibili“.

Articoli correlati