A New York si costruiranno 250 nuove piste ciclabili

Il consiglio comunale di New York ha appena approvato un piano che promette di cambiare la mobilità della città, rendendola più sicura e sostenibile.

Oltre 1,5 miliardi di euro in dieci anni per cambiare la mobilità della città. È questa la decisione presa dal consiglio cittadino la scorsa settimana e che prevede di costruire 250 nuove piste ciclabili a partire dal 2021, che andranno ad aggiungersi ai quasi 2mila chilometri di percorsi dedicati ai ciclisti. L’investimento rientra nel più ampio piano del sindaco Bill de Blasio di rendere la mobilità di New York più sicura e sostenibile. Il progetto infatti prevede di applicare una “congestion charge” – come l’Area C milanese –  per entrare a Manhattan (prima città negli Stati Uniti) già dal 2021, oltre ad investire su trasporti pubblici e appunto sulle bici.

new york
Il piano prevede di costruire 250 nuove piste ciclabili a partire dal 2021, che andranno ad aggiungersi ai quasi 2mila chilometri di percorsi dedicati ai ciclisti © Drew Angerer/Getty

Meno spazio alle auto

L’idea è quella di togliere spazio fisico alle auto e renderlo fruibile ai ciclisti, in particolare per ridurre gli incidenti. Se nel periodo che andava dal 2014 al 2017 i newyorkesi che preferivano la bicicletta per i proprio spostamenti è cresciuta del 26 per cento, nello stesso lasso di tempo sono aumentati anche gli incidenti a carico dei ciclisti: negli ultimi 20 anni sono state registrati 25 decessi.

“Il modo in cui pianifichiamo le nostre strade non ha senso e i newyorkesi pagano il prezzo ogni giorno, bloccati su autobus lenti o rischiando la propria sicurezza in bicicletta senza piste ciclabili protette. Voglio rivoluzionare completamente il modo in cui condividiamo il nostro spazio, ed è quello che fa questo conto”, ha detto il portavoce del consiglio comunale Corey Johnson, secondo quanto riporta il Guardian.

new york
Da dicembre 2021 si partirà con quasi 250 chilometri di corsie dedicate agli autobus e oltre 400 di piste ciclabili separate dal traffico e dotate di telecamere © Mario Tama/Getty

Un nuovo master plan per New York

Il piano prevede di realizzare nuovi progetti quinquennali che puntino in particolare sulla sicurezza stradale, sull’uso dei trasporti pubblici, la riduzione delle emissioni dei veicoli e una maggiore accessibilità per le persone con disabilità. Da dicembre 2021 si partirà con quasi 250 chilometri di corsie dedicate agli autobus e oltre 400 di piste ciclabili separate dal traffico e dotate di telecamere. Entro i successivi due anni il piano prevede di aggiungere oltre 90mila metri quadrati di aree pedonali. Dal 2026 invece la rete di piste ciclabili dovrà diventare connessa e interamente dedicata ai ciclisti, con segnaletica dedicata. Gli amministratori devono evidentemente aver preso ispirazione da Copenaghen o Amsterdam.

Articoli correlati
A un italiano su tre piacerebbe andare al lavoro in ebike

Gli italiani sono al terzo posto su dieci Paesi europei per la disponibilità ad andare al lavoro in ebike. La motivazione principale a favore è la tutela dell’ambiente, a scoraggiare il maltempo e il costo delle biciclette elettriche.