Stati Uniti. Obama crea l’area marina protetta più grande al mondo

Alle Hawaii, paese natìo del presidente, quadruplicata l’area del Papahanaumokuakea. Casa per balenottere azzurre, coralli neri, albatros dalla coda corta.

È uno dei lasciti dell’amministrazione Obama, a due mesi dalle elezioni americane. Al largo delle coste delle Hawaii, nelle acque a nord ovest del paese, il presidente degli Stati Uniti ha infatti quadruplicato la riserva marina creata da George W. Bush nel 2006.

area marina
Esemplari di pesce farfalla Chaetodon lunula, Cathedrals of Lanai, Maui, Hawaii, USA (Photo by Reinhard Dirscherl/ullstein bild via Getty Images

L’esistente monumento marino nazionale passerà dagli attuali 357 mila chilometri quadrati a più di 1,5 milioni di chilometri quadrati. Scelta che porterà alla conservazione e protezione di più di 7.000 specie marine, tra cui balenottere azzurre, tartarughe marine, e il rarissimo corallo nero (Antipathella subpinnata).

 

Un’area marina protetta contro i cambiamenti climatici

“Acidificazione degli oceani, riscaldamento delle acque e gli altri impatti causati dai cambiamenti climatici minacciano gli ecosistemi marini. L’espansione del monumento migliorerà la resilienza dell’oceano e aiutarà le risorse fisiche e biologiche della regione ad adattarsi, creando allo stesso tempo un laboratorio naturale che permetterà agli scienziati di monitorare ed esplorare gli impatti dei cambiamenti climatici su questi fragili ecosistemi”, scrive l’ufficio stampa della Casa Bianca in una nota diffusa lo scorso 26 agosto.

area marina
Il reef visto dall’alto. Foto by: MyLoupe/UIG via Getty Images)

Niente pesca commerciale, né estrazioni minerarie

Quella di Obama è stata una scelta che ha dato voce ai nativi hawaini e alle loro richieste di conservazione e protezione della loro terra. 75 montagne sottomarine, un isolamento biologico e geografico che ha permesso il proliferare di veri e propri hot spot di biodiversità, unici al mondo, comunità oceaniche singolare e tra le più longeve: alcuni coralli raggiungono i migliaia di anni di età.
“Le Northwestern Hawaiian Islands sono la patria di uno degli ecosistemi più diversi e minacciati del pianeta e un luogo sacro per la comunità nativa hawaiana”, ha detto il segretario degli Interni Sally Jewell in una nota stampa. “L’espansione del presidente Obama del Papahanaumokuakea proteggerà permanentemente le barriere coralline incontaminate, gli habitat marini più profondi e le importanti risorse culturali e storiche, a beneficio delle generazioni presenti e future”.

Articoli correlati
Per proteggere le spiagge salviamo le dune

Senza le dune non esisterebbero nemmeno le spiagge. Ecco perché il progetto europeo Redune sta tentando di salvare parte della fascia litorale veneta, mettendo a dimora oltre 150mila piante.