Pasta di mais bianco con cime di rapa e pecorino

Rielaborazione della ricetta tipica pugliese con le cime di rapa, accompagnate da un cereale antico, la pasta di mais bianco, e una spolverata di pecorino.

indice_sostenibilita_04

Ingredienti per la preparazione della pasta di mais bianco con cime di rapa e pecorino

150 g di pasta di mais bianco biologica Nutracentis
300 g di cime di rapa
pecorino sardo grattugiato
aglio
olio extra vergine di oliva
sale
pepe
peperoncino

Pasta di mais bianco con cime di rapa e pecorino
Principali ingredienti per la preparazione della pasta di mais bianco con cime di rapa e pecorino © Laura La Monaca

Preparazione

Lavare bene le cime di rapa e tagliarle e pezzettini. Far soffriggere in una padella antiaderente 2 cucchiai di olio con il peperoncino e uno spicchio di aglio in camicia.

Pasta di mais bianco con cime di rapa e pecorino
Il mais bianco è un cereale antico ricco di fibre, ferro, naturalmente senza glutine e povero di nichel © Laura La Monaca

Spegnere non appena l’olio sia caldo e l’aglio ben dorato. Portare ad ebollizione abbondante acqua salata e cuocere le cima di rapa. Dopo qualche minuto aggiungere la pasta e cuocere per 10 minuti.
Il mais bianco
è un cereale antico ricco di fibre, ferro e fosforo, naturalmente senza glutine, povero di nichel e fonte di vitamina B6.

Pasta di mais bianco con cime di rapa e pecorino
Lavare e tagliare le cime di rapa © Laura La Monaca

Scolare la pasta di mais bianco e le cime di rapa e condirle insieme all’olio aromatizzato al peperoncino e all’aglio.

Pasta di mais bianco con cime di rapa e pecorino
Cuocere la pasta insieme alle cime di rapa per 10 minuti © Laura La Monaca

Servire con una spolverata di pecorino e pepe appena macinato.

Il mais bianco contiene poi il 30 per cento del fabbisogno quotidiano di ferro, aggiungere qualche goccia di succo di limone per permettere al nostro organismo di assimilare meglio il ferro.

Pasta di mais bianco con cime di rapa e pecorino
Condire con l’olio aromatizzato al peperoncino, aggiungere una spolverata di pecorino e di pepe © Laura La Monaca
Articoli correlati