Perché l’acne in inverno?

Polmoni e fegato sono gli organi interessati tra le cause dell’acne e che vediamo peggiorare in autunno, ma una spiegazione ci viene dalla medicina cinese

E’ noto il peggioramento dell’acne giovanile durante la stagione
autunnale. Secondo la medicina scientifica la causa di questa
patologia non è ancora nota, anche se molti fattori sembrano
essere implicati: predisposizione genetica, aumentata produzione di
androgeni, eccessiva secrezione di sebo, flora microbica,
stress.

Nello stress in particolare, che altera la regolare produzione
ormonale, la medicina ufficiale riconosce le cause di questa
acutizzazione stagionale: la ripresa della scuola dopo le vacanze,
il ritorno ad una vita diversamente ritmata e, soprattutto, le
mutazioni climatico ambientali con la diminuita intensità
della luce e del calore, caratteristici della stagione estiva
durante la quale la patologia si attenua sensibilmente. Si tratta
sicuramente di concause valide ma un po’ generiche e slegate fra
loro.

La Medicina Tradizionale Cinese fornisce, al contrario, una lettura
di grande coerenza e pertinenza al fenomeno del peggioramento
dell’acne durante l’autunno. La pelle infatti è, da un punto
di vista energetico, fisiologicamente correlata ai Polmoni ed
è essa stessa un terzo polmone, un organo cioè che
respira ed opera continui scambi con l’ambiente circostante. Anche
nella medicina occidentale molti problemi della pelle, come eczema,
psoriasi, eruzioni cutanee riflettono uno squilibrio direttamente
collegato con questi organi. Esistono forme di asma, ad esempio,
accompagnate, precedute o seguite, da alcuni tipi di eczema.

Secondo la legge dei 5 elementi i Polmoni, insieme all’Intestino
Crasso, sono gli organi più sensibili durante la stagione
autunnale: sono infatti sottoposti ad un picco energetico tale per
cui spesso se ne enfatizzano anche le problematiche. Si dicono
appartenenti, insieme alla Pelle, all’elemento Metallo che, nel
ciclo delle stragioni, corrisponde proprio all’autunno.

Ma la pelle è anchesì un organo emuntore:
l’eliminazione delle tossine avviene anche attraverso di essa, come
pure attraverso l’intestino crasso cui è direttamente
collegata. Indirettamente invece, essa è legata al Fegato e
quindi interessata dagli accumuli tossici che, soprattutto
nell’adolescenza, si determinano con facilità per via della
crescita repentina e delle tempeste ormonali che la
caratterizzano.

Energeticamente dunque, la Pelle risponde alle condizioni – non
solo fisiologiche ma anche emozionali – di Polmoni, Intestino
Crasso e Fegato. L’armonizzazione energetica di questi organi
rappresenterà dunque la vera via di guarigione per le
malattie della pelle. Infine, così come il Polmone è
legato al Metallo, il Fegato fa parte invece dell’elemento Legno,
il più sensibile in primavera e il più stimolato,
come appena detto, nella primavera della vita.

Loredana
Filippi

Articoli correlati