Questa è Palla. Si chiama così perché le è venuta la faccia a palla

Quando è stata ritrovata, chi ha soccorso questa cagnetta ha fatto fatica a capire di che razza fosse. La fisionomia, i lineamenti sono stravolti da un cappio di nylon al collo.

Tutti abbiamo provato cosa succede quando stringi un palloncino tra le dita. L’estremità si gonfia a palla, prima di scoppiare.

Al collo le hanno stretto un cappio di nylon, a questa cagnetta. Per settimane. Purtroppo, il laccio aveva segato la pelle e il muscolo e s’è incarnito. Vagava per le campagne ed è stata notata perché cercava di cibarsi rubando il mangime alle galline. Quando è stata recuperata dagli operatori dell’Asl 5 e portata per fortuna alla Clinica Veterinaria Due Mari di Oristano, i medici hanno scritto:

“Ultimo ricovero da Terralba. Povera cagnetta forse tipo pittbull, ora non si capisce a chi assomigli, sembra un maialino. Aveva un laccio di nylon stretto al collo che le aveva segato quasi la testa che si è enormemente gonfiata. Recuperata perché rubava il mangime delle galline. Abbiamo levato il laccio… praticamente decapitata. L’abbiamo chiamata Palla”.

Il laccetto era completamente immerso nei tessuti. Ora è alla Clinica Due Mari, gliel’hanno rimosso. La bella notizia di ieri è che ha cominciato a mangiare. E, a quanto pare, di gusto.

Palla .. Mangia <3 domani vi sapremo dire di piu … Se volete contattarci e Se volete darci una mano scrivete a [email protected] un messaggio e sarete ricontattati . Nell’oggetto scrivete solo Palla ci darete una grande mano . Molte grazie

Pubblicato da Clinica Veterinaria Duemari su Lunedì 25 gennaio 2016

 

I responsabili della Clinica Due Mari, il direttore sanitario Paolo Briguglio, la dottoressa Monica Pais (chirurgia dei tessuti molli, che la sta operando) e i cinque veterinari che vi operano stanno chiedendo di non essere, in queste ore, subissati di messaggi privati perché non riusciranno a rispondere, ma pubblicheranno sulla loro pagina Facebook aggiornamenti continui sullo stato di salute della povera Palla.

Ecco cosa si può fare per Palla

È ancora troppo presto per offrirsi di adottarla, il recupero è incerto e lungo. La cagnetta è stata recuperata a Terralba (Oristano), un paesino di diecimila abitanti. Dato che il sindaco è il responsabile della Polizia Locale, potrebbe essere interessante chiedergli come è possibile che nel suo Comune una cagnetta sia potuta stare in queste condizioni per settimane senza che nessuno lo segnalasse, e se intende indagare per capire chi è il disgraziato padrone di questo povero essere, che stava per subire una lenta decapitazione.

Il sindaco a cui rivolgere queste domande si chiama Pietro Piras, Via Baccelli 1, 09098 Terralba (Or),  mail: [email protected].

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Articoli correlati
No all’abbandono dei cani

Purtroppo all’inizio di ogni estate si ripetono puntualmente gli episodi di abbandono di animali familiari, questo nonostante le tante campagne pubblicitarie.