Investimenti sostenibili

I fondi etici non sono tutti uguali, ecco come scegliere quelli giusti

I fondi etici non so tutti uguali. I risparmiatori meritano di essere informati per non rischiare di finanziare società contrarie ai loro princìpi.

Sono sempre di più i risparmiatori che non intendono finanziare, anche involontariamente, società contrarie ai loro principi. E che, per questo, scelgono di affidare il proprio denaro a fondi d’investimento etici. Ma non tutti i fondi etici sono uguali: lo dimostra un’inchiesta riportata dall’Independent. I dati che il giornale britannico ha tratto da Bloomberg, infatti, rivelano che nel portafoglio di investimenti di alcuni fondi etici ci sono anche società che potrebbero far storcere il naso ad alcuni risparmiatori. Come la ExxonMobil che nel 2015 ha speso 27 milioni di dollari in attività di lobbying volte a ostacolare le politiche di contrasto al cambiamento climatico. O come British American Tobacco, il maggior produttore di sigarette in Europa.

 

Fumo sigarette
Il settore del tabacco è escluso dalla stragrande maggioranza dei fondi etici, ma ci sono alcune eccezioni. Foto: Inami Ryutarou / EyeEm / Getty Images

 

Quali sono i fondi etici che investono in petrolio

I fondi etici hanno vissuto un vero e proprio boom: ormai sono circa 730 e gestiscono in tutto oltre 260 miliardi di dollari, sempre secondo Bloomberg. Ma, se si procede ad analizzare i primi 30 per dimensioni, si scopre che in almeno sei casi i portafogli comprendono società petrolifere. È il caso di Tiaa-Cref social choice equity fund che gestisce 3,3 miliardi di euro e investe in Occidental Petroleum, Schlumberger, ConocoPhillips e Marathon Oil. Oppure di Klp AksjeGlobal Indeks I (4,3 miliardi di euro) che investe in Exxon, BP e Monsanto. Le società petrolifere Exxon e Chevron e il colosso minerario Bhp Billiton sono invece nel portafoglio di Dnb Global Indeks. British American Tobacco, invece, è stata scelta dal Responsible index fund di Actiam Nv.

ExxonMobil e Chevron tra gli investimenti di alcuni fondi etici. Foto © Ingimage
Ci sono anche ExxonMobil e Chevron tra gli investimenti di alcuni fondi etici. Foto © Ingimage

 

Le sette categorie di fondi etici

Ci sono molti modi per investire responsabilmente il proprio denaro. L’Eurosif (Forum europeo per gli investimenti sostenibili e responsabili) ha suddiviso l’universo dei fondi etici in sette categorie:

  1. Investimenti tematici: si investono direttamente i capitali in aree come l’efficienza energetica, la salute, il contrasto al cambiamento climatico.
  2. Investimento “best in class“: si scelgono le società che ottengono le performance migliori sulle tematiche Esg (ambiente, società, governance).
  3. Rispetto di norme e standard internazionali: si investe solo nelle aziende allineate ai trattati dell’Onu o di altre sue agenzie.
  4. Esclusioni: si taglia fuori il mondo di armi, tabacco, pornografia, gioco d’azzardo…
  5. Integrazione delle istanze Esg nell’analisi finanziaria dei soggetti in cui si intende investire.
  6. Engagement: si parla di soft engagement quando l’investitore dialoga con il management della società e di hard engagement (o azionariato attivo) quando interviene all’assemblea degli azionisti.
  7. Impact investing: si investe in aziende, fondi e organizzazioni con l’intenzione dichiarata di generare un impatto ambientale e sociale positivo.

 

Architettura green
Alcuni fondi investono in settori come architettura green ed efficienza energetica. Stefano Montesi/Corbis via Getty Images

 

“I fondi etici non sono tutti uguali”

Nessuno mette in dubbio il fatto che sia una scelta responsabile quella di investire il proprio denaro in fondi che promettono di avere un impatto sociale e ambientale positivo. E che per giunta, dimostrano i dati, ottengono rendimenti uguali o addirittura superiori agli altri. Bisogna però sapersi orientare correttamente, perché ci sono grandi differenze tra le politiche dei vari fondi e tra i criteri con cui scelgono di escludere (o viceversa includere) determinati soggetti dai loro portafogli.

“La sfida che abbiamo di fronte, come settore, è quella di essere molto chiari con gli investitori, in modo da permettere loro di capire realmente che cosa stanno comprando. I fondi etici non sono tutti uguali”, dichiara Charlie Thomas che gestisce il fondo Jupiter’s Ecology. Secondo l’analisi dell’Independent, dunque, tanto i gestori quanto le autorità di regolamentazione devono lavorare per garantire agli investitori la massima trasparenza. Quella trasparenza che sarà il migliore incentivo per far sì che la finanza responsabile continui a crescere.

 

Articoli correlati