Perché lo scioglimento dei ghiacci ci riguarda da vicino

Il nuovo rapporto del Wwf rivela che poli e cime nevose si stanno sciogliendo rapidamente. Perderemo le aree fredde del pianeta e i serbatoi d’acqua dolce.

Prima della metà di questo secolo l’Artide sarebbe priva di ghiacci durante i mesi estivi. A confermarlo è la più bassa delle estensioni invernali della calotta mai registrate dalle rilevazioni satellitari, lo scorso marzo. Un fenomeno che sta interessando la metà dei ghiacci artici.

 

orso polare norvegia foto Steve Morello WWF

Foto Steve Morello/Wwf.

Sono alcuni degli effetti dei cambiamenti climatici in corso, che il Wwf ha raccolto nell’ultimo rapporto “Ghiaccio bollente”, una visione planetaria sulla riduzione dei ghiacci del pianeta ed i suoi effetti su specie e uomo basata sulle più recenti evidenze scientifiche.

 

“La lettura del quadro d’insieme è impressionante”, ha dichiarato l’associazione in una nota. “Il 2015 è un anno cruciale per le decisioni che la comunità internazionale dovrà prendere, a partire dal Summit delle Nazioni Unite per gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per i prossimi 15 anni e la COP21 di Parigi sul cambiamento climatico”.

 

 

Non si tratta del solito catastrofismo, si tratta del nostro futuro prossimo. Ma non solo, decine di specie animali sono legate agli habitat artici, antartici e alpini. E i segnali di sofferenza sono sempre più allarmanti. Il report riporta che “senza ghiaccio nel 2050 i due terzi degli orsi polari potrebbero scomparire. In Antartide stessa sorte potrebbe capitare al 75 per cento della popolazione di pinguino di Adelia”. E potremmo assistere sempre più spesso alle immagini dei trichechi in Alaska che si ammassano sulle coste a causa dell’assottigliamento del ghiaccio marino artico. Ma la lista potrebbe continuare.

 

 

“Nelle aree montuose in tutto il mondo – continua il Wwf – e nelle regioni artiche e antartiche, le popolazioni locali guardano spaventate il loro mondo che si trasforma e considerano il cambiamento climatico una minaccia presente e un possibile incubo futuro”.

 

Ma il problema ci riguarda tutti, non solo chi vive nelle aree fredde. “Dal ghiaccio del pianeta dipendono risorse idriche, mitigazione del clima, equilibrio degli oceani, emissioni di gas serra”. Prendiamo i cosiddetti ghiacciai alpini: i 7 maggiori fiumi di India e Sud Est asiatico sono alimentati dai ghiacciai del Karakorum e dell’Himalaya. Ciò significa che 2 miliardi di persone, aggiunte ai già attuali 2 miliardi (fonte Onu), soffriranno per scarsità d’acqua.

 

india delta del gange raccolta riso foto Global warming images WWF Canon _330665

Siccità in India. Wwf

Se ciò non bastasse, dal report risulta che “il 70 per cento delle coste del mondo subirà forte modificazioni. 360 milioni di abitanti delle grandi metropoli costiere saranno minacciati dall’innalzamento dei mari e dall’aumento degli eventi meteorologici estremi”.
Ma pensiamo anche alle isole del Pacifico: nell’arcipelago del Kiribati 2 sono già sommerse, mentre soffrono Tuvalu, Samoa e dall’altra parte paradisi come le Maldive stanno già preparandosi all’evacuazione. “Abbiamo le alternative ai combustibili fossili pronte, sono fonti rinnovabili e pulite; insieme all’uso razionale ed efficiente di energia e materiali, possiamo farcela e offrire a tutti nuove opportunità”.

 

Il ghiaccio è vitale per la nostra sopravvivenza. E il ghiaccio sta scomparendo. Dovrebbe bastare solo questo a scuotere milioni di coscienze.

Articoli correlati