Come mangiare meno carne e ripensare le nostre abitudini a tutela di animali e ambiente

Con un’alimentazione vegetale si scoprono nuovi sapori e si ritrova armonia con l’ambiente che ci circonda. La Settimana Veg è l’occasione per mettersi alla prova e scoprire i benefici della riduzione del consumo di carne.

Dal 18 al 24 maggio parte la Settimana Veg, l’evento di Essere Animali che promuove un’alimentazione amica degli animali, della salute e dell’ambiente. Giunta alla quinta edizione, raccoglie ogni anno sempre più iscritti, migliaia di persone curiose di sperimentare, almeno per sette giorni, la cucina priva di prodotti di origine animale, che si scopre sempre più sorprendente e gustosa.

Per partecipare non occorre altro che visitare il sito dedicato all’evento. Una volta iscritta, ogni persona riceverà un ricettario guida con le semplici, ma accattivanti ricette create appositamente da Elefante Veg e innumerevoli informazioni, in primis i consigli delladottoressa nutrizionista Silvia Goggi, per affrontare al meglio il programma settimanale. Un’iniziativa che avvicina le persone, con semplicità, curiosità e divertimento, all’alimentazione vegana, vista ancora da molti come uno stile di vita difficile da sostenere.

coronavirus animali
Il rispetto e l’amore verso gli animali può contribuire a preservare la nostra salute © Pixabay

L’importanza di ridurre il consumo di carne e altri derivati animali

Di recente sono sempre di più le persone che hanno scoperto una nuova sensibilità nei confronti della questione animale. In larga parte grazie alle organizzazioni come Essere Animali che, da anni, lavorano in questa direzione e hanno realizzato molteplici indagini tese a documentare le reali condizioni degli animali allevati a scopo alimentare. Immagini portate anche in tv da diversi programmi che da qualche tempo dedicano ampio spazio alle tematiche relative agli animali e all’ambiente, aspetti ormai molto attuali da affrontare e ridiscutere ogni volta di più.

Leggi anche: Per salvare il Pianeta dobbiamo mangiare tutti meno carne

Ma le crudeli condizioni in cui vivono gli animali non rappresenta l’unica causa di questa nuova presa di consapevolezza dei consumatori. Hanno giocato un ruolo importante, infatti, anche le dichiarazioni delle organizzazioni più autorevoli nel campo della salute e della nutrizione, sempre più favorevoli ad un’alimentazione prevalentemente vegetale e, nondimeno, i dati relativi all’impatto degli allevamenti, quindi della produzione di carne e derivati, sull’ambiente e il pianeta.

osservatorio Milano sostenibile sullo stile di vita dei cittadini LifeGate
Gli allevamenti animali costituiscono una delle principali cause dell’inquinamento globale © Tim Wright/Unsplash

Negli ultimi decenni il consumo di carne e derivati animali è cresciuto vertiginosamente e con esso sono aumentati i rischi per la salute, tra cui la media di infarti, problemi circolatori, tumori, diabete e obesità. Anche l’Oms ha accomunato il rischio di tumori al consumo di carni rosse, soprattutto insaccati, e i principali nutrizionisti consigliano un’alimentazione basata su frutta, verdura, legumi e cereali. In merito invece all’impatto sull’ambiente, è ormai noto come gli allevamenti costituiscano una della principali cause dell’inquinamento globale.

Leggi anche: L’impatto invisibile di quello che mangiamo

L’industria della carne produce da sola il 18 per cento delle emissioni, più del settore dei trasporti e assieme alla produzione di latte e uova è considerata la principale fonte di CO2 del pianeta. Mentre l’allevamento di bovini, di cui l’Italia è uno dei primi paesi importatori, è il motivo per cui avviene il 90 per cento della deforestazione in Amazzonia. Se pensiamo invece allo spreco di risorse idriche, la carne ha un prezzo spaventoso: 15mila litri di acqua per produrne un solo chilo.

Foglie di felce
Lo spreco di risorse idriche per la carne ha un prezzo spaventoso: 15.000 litri di acqua per produrne un solo chilo © Pexels

Un’alimentazione vegetale, in un confronto che desta impressione, ha un impatto circa sedici volte minore sull’ambiente rispetto a quella che include prodotti animali. Cambiare la propria alimentazione è una necessità anzitutto verso noi stessi e il pianeta in cui viviamo, oltre che un dovere nei confronti delle altre specie animali.

Verdura settimana veg
Ritrovare l’armonia con l’ambiente che ci circonda ©  Anna Guerrero/Pexels

L’occasione giusta per cambiare le proprie abitudini

Ognuno è responsabile delle proprie azioni ed ogni piccola, singola rivoluzione quotidiana, sommata a quelle degli altri, può portare a grandi risultati.
Con l’alimentazione vegana non si rinuncia a niente, anzi. Si scoprono nuovi sapori e gusti a cui poi risulterà difficile rinunciare. Ma soprattutto si ha la possibilità di nutrirsi in modo sano, con un impatto sull’ambiente nettamente minore e, non ultimo, salvare la vita a migliaia, miliardi di animali ancora oggi rinchiusi negli allevamenti e destinati al consumo umano.

La Settimana Veg è l’occasione giusta per riscoprire e trovare una nuova armonia, con noi stessi e l’ambiente che ci circonda, per mettersi alla prova e scoprire un nuovo modo di approcciarsi al cibo. Non resta che accettare la sfida, iscriversi sul sito condividendo l’esperienza con gli amici, e scoprire gli innumerevoli benefici che è capace di regalare un’alimentazione esclusivamente vegetale.

Articoli correlati
La vicenda Amadori si conclude con un risultato storico per i diritti animali grazie alle indagini di Animal Equality

Grazie al lavoro congiunto di Animal Equality e altre due associazioni animaliste, la vicenda riguardante l’azienda Amadori si conclude con un risultato importantissimo, che mette finalmente sotto i riflettori della giustizia i reati che ogni giorno si compiono nei confronti degli animali all’interno di moltissimi allevamenti intensivi.