Sono musulmano. Questo non fa di me un terrorista

Sono musulmano, non sono un terrorista. Un esperimento sociale riuscito condotto a Parigi dove centinaia di cittadini hanno abbracciato un ragazzo.

https://youtu.be/lRbbEQkraYg

Un ragazzo musulmano si è bendato gli occhi e ha chiesto di essere abbracciato in place de la République, a Parigi, dopo gli attacchi del 13 novembre. Ha esposto cartelli con le scritte: “Sono musulmano e dicono che sia un terrorista”, Io mi fido di voi, e voi vi fidate di me? Se sì, abbracciatemi”. Ad accettare l’invito centinaia di parigini di origini diverse che sono arrivati persino a commuoversi. A fine giornata il ragazzo musulmano ha ringraziato i cittadini per il calore che gli hanno dimostrato e ha ricordato che esser musulmani non significa essere terroristi, anzi. Un terrorista è una persone che uccide un’altra persona, ma non perché è di religione islamica. E ricorda: “L’Islam proibisce l’omicidio”.

 

Il video è stato realizzato da In the now, una piattaforma digitale per “gente in movimento”.

Articoli correlati
La valle dell’Omo, dove la vita scorre con il fiume

Le tribù della valle dell’Omo in Etiopia vivono a stretto contatto con la natura e il fiume da cui dipendono. Questo reportage esclusivo racconta come la costruzione di una diga, i cambiamenti climatici e un boom turistico stiano mettendo a dura prova la loro capacità di preservare stili di vita ancestrali.

Fukushima, piantando i semi della rinascita

Abbiamo visitato Fukushima per parlare con chi sta lavorando per ricostruire la propria vita dopo il disastro dell’11 marzo 2011. Queste sono le loro storie, in un video reportage prodotto da LifeGate.