Il presidente europeo al leader della Brexit: “Hai raggiunto il tuo obiettivo. Perché sei ancora qui?”

Il presidente europeo Juncker risponde seccato a Farage, tra i leader che hanno spinto i britannici a votare per l’uscita dall’Unione europea. Il video.

Il Parlamento europeo, con sede a Strasburgo, ha discusso in una seduta straordinaria, tenutasi il 28 giugno, l’esito del referendum popolare e consultivo che ha visto la maggioranza dei britannici votare per l’uscita dall’Unione europea. In quella occasione il presidente della Commissione europea, con sede a Bruxelles, Jean-Claude Juncker si è espresso in modo deciso e diretto nei confronti dell’eurodeputato, nonché leader dell’Ukip (United Kingdom independent party, il Partito per l’indipendenza del Regno Unito), Nigel Farage, che a lungo si è battuto per la Brexit, parlando addirittura di una questione “di vita o di morte” per il futuro del paese.

Jean-Claude Juncker
Il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker e il primo ministro britannico uscente David Cameron © Suzanne Plunkett/Getty Images

Le parole di Juncker al Parlamento europeo

“Bisogna rispettare la democrazia britannica e la scelta che ha fatto”, ha esordito Juncker, salvo poi essere interrotto da applausi fuori dal coro di Farage al quale ha risposto seccato: “Questa è l’ultima volta che applaude qui. E in un certo modo mi ritengo sorpreso della sua presenza. Lei ha combattuto per l’uscita. Il popolo britannico ha votato per l’uscita. Quindi perché lei è qui?”.

“Che il Regno Unito decida in fretta”

Nel frattempo i leader europei e lo stesso Juncker hanno chiesto al premier David Cameron di prendere una decisione chiara e in fretta per togliere il resto dei paesi che fanno parte dell’Ue dallo stato di caotica incertezza, non solo economica, che stanno vivendo. In particolare, l’Ue è spaventata dal fatto che il governo britannico non sappia dire né quando, né tantomeno se il paese lascerà davvero l’organizzazione continentale creando un clima di tensione sui mercati e tra i cittadini.

La risposta di Cameron, però, è stata tutt’altro che rassicurante affermando che non sarà lui a cominciare il processo biennale di uscita. Questa scelta non verrà presa né “oggi, né domani mattina”.

Articoli correlati
La valle dell’Omo, dove la vita scorre con il fiume

Le tribù della valle dell’Omo in Etiopia vivono a stretto contatto con la natura e il fiume da cui dipendono. Questo reportage esclusivo racconta come la costruzione di una diga, i cambiamenti climatici e un boom turistico stiano mettendo a dura prova la loro capacità di preservare stili di vita ancestrali.

Fukushima, piantando i semi della rinascita

Abbiamo visitato Fukushima per parlare con chi sta lavorando per ricostruire la propria vita dopo il disastro dell’11 marzo 2011. Queste sono le loro storie, in un video reportage prodotto da LifeGate.