Negli Stati Uniti la CO2 torna al 1994

Sono calate del 12% le emissioni di CO2 degli Stati Uniti, rispetto all’anno del picco americano – il 2007 -, migliorando addirittura i livelli registrati nell’anno della recessione, il 2009. Un totale di 5,29 miliardi di tonnellate pari al 3,8% in meno rispetto all’anno precedente. Si tratta dei valori più bassi mai registrati dal 1994.

Sono calate del 12% le emissioni di CO2 degli Stati Uniti, rispetto
all’anno del picco americano – il 2007 -, migliorando addirittura i
livelli registrati nell’anno della recessione, il 2009. Un totale
di 5,29 miliardi di tonnellate pari al 3,8% in meno rispetto
all’anno precedente. Si tratta dei valori più bassi mai registrati dal
1994
.

L’ha reso noto l’Energy Information Administration, ala del
Dipartimento dell’Energia statunitense (DOE) che si occupa appunto
di elaborare dati e statistiche. “Il calo delle emissioni è il
maggiore mai registrato nonostante una crescita del PIL che si
attesta sul 2,8%”, ha detto l’EIA. Nonostante crescita economica e
crescita della popolazione, gli Stati Uniti sono comunque riusciti
a tagliare le emissioni climateranti.

 

Meno energia, meno consumi, meno emissioni.
Secondo l’Agenzia sono molti i fattori entrati in gioco. Ma i
principali sono due: la diminuzione della richiesta energetica nel
settore residenziale (un 22% del totale), dovuto principalmente a
politiche di maggiore efficienza e, in secondo luogo, la scelta di
passare dal carbone al gas naturale per la produzione di energia
elettrica.

Ciò ha permesso un notevole risparmio rispetto agli anni
precedenti. Da non dimenticare naturalmente le rinnovabili, con un
sostanziale aumento dell’eolico installato, mentre le altre fonti
hanno registrato un calo.

Gli altri fattori determinanti, come sottolineato dalla stessa
Agenzia, sono stati una stagione metereologicamente mite e il
settore dei trasporti, che si sta dirigendo verso veicoli sempre
più efficienti.

Nonostante tutto però l’Agenzia non è sicura che questa
sia una vera inversione di rotta degli Usa per quanto riguarda le
emissioni di anidride carbonica, e resta quindi cauta rimandando la
questione ai prossimi rapporti.

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Articoli correlati
Clima, il 2016 è l’anno più caldo di sempre. Come quelli precedenti

Il 2016 non è ancora finito ma già si appresta a passare alla storia come l’anno più caldo di sempre, cancellando un record durato solamente un anno, quello del 2015. I dati preliminari dell’Organizzazione metereologica mondiale mostrano infatti un aumento delle temperature globali di circa 1,2 gradi centigradi al di sopra dei livelli pre-industriali.  Nello

India, temperature alle stelle: verifiche su un valore di 52,9 a Nuova Delhi

Martedì 28 maggio due stazioni meteorologiche situate nella capitale dell’India, Nuova Delhi, hanno registrato una temperatura record. Ben 52,9 gradi centigradi all’ombra. un valore straordinario e che supera perfino quello registrato nel maggio del 2022, quando la colonnina di mercurio aveva raggiunto i 49,2 gradi. La settimana scorsa quasi 48 gradi centigradi a Nuova Delhi

L’accordo sul clima tra Cina e Stati Uniti potrebbe causare un effetto domino

”Oggi sono orgoglioso di poter annunciare un accordo storico”. A presentare l’accordo sulla riduzione dei gas serra è il presidente americano Barack Obama, che in una conferenza stampa a Pechino, ha spiegato le motivazioni del nuovo trattato tra Cina e Stati Uniti per il taglio delle emissioni di gas serra. E storico lo è per

Tutte le promesse fatte dai leader del mondo per proteggere il clima

Più di cento capi di stato e di governo hanno partecipato martedì 23 settembre al Climate summit 2014 di New York. Un appuntamento voluto direttamente dal segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon per accelerare i negoziati e arrivare pronti alla conferenza di Parigi del 2015, quando un nuovo accordo globale sul cambiamento climatico verrà