Stereo MC’s: da “Connected” al “Paradise”.

In occasione dei Diesel U-Music awards e dell’uscita di “Paradise”, abbiamo incontrato gli Stereo MC’s. Multi-premiati con la hit del 1992, “Connected” erano assenti dalla scena da molto tempo. Nick Hallam e Roberto Birch sono stati i primi a portare elementi Hip Hop e Rock sulla scena elettronica di inizio ’90 mentre nascevano i primi “rave” nei bui club londinesi. Ma successo e denaro non danno soddisfazione. Preferiscono produrre pezzi che denunciano la violenza nelle strade e venderli in anteprima on-line, coerenti con il pubblico, sovversivi per l’industria discografica.

Intervista a Stereo MC’s

 

Avete fatto tre album in dieci anni (’92) e poi due in
quattro anni. E’ cambiato qualcosa a livello compositivo negli
ultimi 10 anni?

Molto ha a che fare con la giusta vibrazione, la sensazione
che ti porta a creare qualcosa. I primi tre album li abbiamo fatti
in fretta. Poi c’è stato “Connected”. E questo disco ha
cambiato tutto per gli StereoMC’s. Abbiamo avuto successo e di
colpo tutti volevano dirci come fare la nostra musica. Questo ha
soffocato la nostra creatività per un po’… Noi
lavoriamo al meglio quando abbiamo i nostri spazi. Liberi. Fare un
nuovo disco vuol dire essere entusiasti di avere tracce belle da
comporre, avere la sensazione che stai comunicando qualcosa di
valido.

 

Quali sono le tracce di “Paradise” che non temono il
confronto con “Connected”?

Lo abbiamo appena finito, non è facile vederlo in
prospettiva. E’ suonando dal vivo che ho la sensazione di quanto
è valido un brano. Le prime reazioni della gente confermano
quel che pensavo di “Paradise” e “Sun”, le mie preferite.

 

Avete vissuto in pieno la “Second summer of love”,
rave culture e la nascita dell’acid house. Com’è cambiata la
scena dei “Club” da quegli anni ad oggi?

Penso che sia diventata un po’ noiosa. Mi ricordo che andavamo
in un sacco di locali Hip Hop, poi c’erano dei locali tipo lo
“Shoom” dove Danny Rampling iniziava a mettere dischi acid…
tutto era molto caotico e indisciplinato. Ora ci sono diversi tipi
di club con diversi tipi di elettronica e le loro proprie culture
di nicchia, la scena è più formattata e orientata
verso il business.

 

La musica è solo una forma d’arte o deve avere
uno scopo? Pensiamo al Rock’n Roll negli anni ’60 o al Punk rock
alla fine dei ’70 e, perché no, alla scena Rave all’inizio
dei ’90…

Chi fa musica e poi si adagia nell’idea di essere solo un
artista sbaglia, e la musica ne risente. La musica può
lanciare messaggi, generare amore, o motivare un’intera
generazione. Esistono dei momenti storici dove la musica e la
politica coincidono. E’ merito del consenso popolare che, come
muove le correnti musicali, orienta qualunque altro tipo di
fermento, artistico, culturale o politico.

 

Nel vostro nuovo singolo c’è un brano che si
chiama “Warhead” (tradotto è ‘testa da guerra’ ma significa
‘testata’ balistica o missile NdR), perché questo
titolo?

Rob ha scritto i testi: penso che quello che volesse
comunicare con questo titolo è che c’è così
tanta aggressività nel mondo… Qui a Londra la gente
ha delle energie negative al momento e penso abbia a che fare con
le guerre in corso. Tutti diventano più aggressivi. Si cerca
di promuovere una società priva di violenze e controllare le
armi e intanto, mentre predichi pace e tolleranza, sulla Cnn si
vedono i carri americani e inglesi che ammazzano migliaia di
persone in Medio Oriente.

 

I primi singoli di “Paradise” si possono comprare su
I-Tunes e scaricare, prima che in qualunque altro formato. Pensi
che la rivoluzione dell’era digitale sia la fine della discografia
o l’inizio di una nuova epoca per la musica?

E’ una nuova era e basta. Un nuovo modo di far uscire i
dischi. La gente è stanca delle industrie discografiche; un
giorno vedi un disco sullo scaffale a £9.99 la settimana dopo
costa £16.99 non c’è senso! La gente si sente presa in
giro. Fosse per me le major chiuderebbero al volo. Io sono
pro-musica dal Web.

Articoli correlati