Sviluppo umano e conservazione della biodiversità vanno di pari passo

Secondo un nuovo studio ridurre il consumo di carne e di energia può aiutare a raggiungere obiettivi di sviluppo globale e a proteggere la biodiversità.

Il benessere di uomini, animali e piante è connesso, lo afferma un nuovo studio intitolato “Proiezione degli indicatori globali di biodiversità negli scenari di sviluppo futuri”, pubblicato sulla rivista Conservation Letters e condotto da dieci istituzioni scientifiche, tra cui l’Unione internazionale per la conservazione della natura (Iucn), l’Università la Sapienza di Roma e BirdLife International.

 

allevamento mucche

 

Lo studio valuta l’impatto dei futuri scenari dello sviluppo umano sulla conservazione dei carnivori terrestri e degli ungulati. La ricerca rivela che se l’uomo perpetuasse il suo attuale stile di vita aumenterebbero deforestazione ed emissioni inquinanti e una specie su quattro di carnivori e ungulati potrebbe estinguersi entro il 2050.

 

“La crescente domanda globale di cibo, acqua ed energia può essere soddisfatta dall’aumento della produttività agricola e dall’ulteriore utilizzo di combustibili fossili e di altre risorse, questo ha un elevato costo ambientale”, ha dichiarato Thomas Brooks della Iucn e co-autore dello studio.

 

cervi

 

“Lo studio dimostra per la prima volta che gli obiettivi di sviluppo dell’umanità e la conservazione della biodiversità non devono necessariamente entrare in competizione – ha spiegato Piero Visconti, ricercatore dell’Università la Sapienza di Roma e principale autore del documento. – Esiste uno scenario alternativo che può migliorare il benessere generale della popolazione mondiale e allo stesso tempo migliorare lo stato di salute della biodiversità”.

 

Per ottenere tali obiettivi, secondo lo studio, sarebbe necessario ridurre il consumo di carne e la produzione di rifiuti. Queste azioni dovrebbero comportare una riduzione di perdita dell’habitat della fauna selvatica e delle emissioni di gas serra, diminuendo in tal modo il rischio di estinzione delle specie.

 

deforestazione

 

Altre misure che consentirebbero di rendere il pianeta più vivibile per uomini e animali prevedono legislazioni ambientali progressiste che adottano provvedimenti quali la tassazione del carbone, il posizionamento strategico delle aree protette e l’utilizzo di pratiche agricole sostenibili per aumentare i raccolti.

Articoli correlati
Per proteggere le spiagge salviamo le dune

Senza le dune non esisterebbero nemmeno le spiagge. Ecco perché il progetto europeo Redune sta tentando di salvare parte della fascia litorale veneta, mettendo a dimora oltre 150mila piante.