Venezuela, l’Italia pone il veto sul riconoscimento di Juan Guaidó. Scontro nell’Unione europea

Da Nicolas Maduro no alla richiesta di nuove elezioni dell’Unione europea. La crisi del Venezuela divide in due il mondo, come durante la guerra fredda.

Il presidente del Venezuela Nicolas Maduro ha rispedito al mittente l’ultimatum lanciato da numerose nazioni dell’Unione europea che chiedevano di indire nuove elezioni presidenziali. Ciò, secondo le diplomazie del Vecchio Continente, al fine di superare l’impasse generatasi dopo che il leader dell’opposizione, Juan Guaidó, si è autoproclamato presidente nella nazione sudamericana.

Maduro: “L’Europa vuole nuove elezioni perché alle ultime non ha vinto la destra?”

In un’intervista concessa all’emittente spagnola La Sexta, Maduro ha affermato di non voler cedere alle pressioni: “Per quale motivo l’Unione europea chiede ad una nazione sovrana, che ha già organizzato le sue elezioni presidenziali, di indirne di nuove? Perché non sono i suoi alleati di destra ad aver vinto? Con i loro ultimatum vogliono imporci una situazione di scontro estremo”.

Maduro Guaido Venezuela
I due uomini che si contendono il potere in Venezuela: il presidente in carica Nicolas Maduro e il capo dell’opposizione Juan Guaidó © Yuri Corez e Federico Parra/Afp/Getty Images

A domandare al leader chavista di tornare alle urne sono stati in particolare Spagna, Germania, Francia, Regno Unito, Paesi Bassi, Portogallo e da ultimo, domenica 3 febbraio, Austria. Le cui diplomazie hanno spiegato che, in mancanza di nuove consultazioni elettorali, riconosceranno Guaidó come il legittimo presidente del Venezuela. Cosa che potrebbe avvenire già nella giornata di oggi, lunedì 4 febbraio (Madrid, Londra e Vienna sono stati i primi a farlo).

In Italia, invece, il governo – put diviso al proprio interno sul tema – ha bloccato il possibile riconoscimento da parte dell’Unione europea di Guaidò. Ciò, riferisce l’agenzia Agi, dopo che gli altri 27 stati membri nella riunione informale dei ministri degli Esteri di ieri a Bucarest avevano trovato un accordo su una dichiarazione comune promossa dalla Svezia.

Maduro ha risposto rilanciando invece l’opzione del “gruppo di contatto internazionale”, che comprenda l’Ue e le nazioni dell’America Latina. Esso si riunirà giovedì prossimo a Montevideo, in Uruguay: “Sono favorevole a questa conferenza, che permetterà alle diverse anime del Venezuela di sedersi attorno ad un tavolo e di dialogare. Appianando le nostre differenze e programmando un piano che possa risolvere i problemi del nostro paese”.

Intanto, come accadeva durante la guerra fredda, la vicenda di una singola nazione sta creando due schieramenti opposti sullo scacchiere geopolitico mondiale. Da una parte coloro che sostengono Guaidó, Stati Uniti in testa, con il presidente Donald Trump che ha immediatamente riconosciuto il leader anti-Maduro. Affermando che “il Parlamento (controllato dall’opposizione, ndr) è il solo organismo legittimo” del Venezuela.

trump stati uniti
Donald Trump ha immediatamente concesso il proprio sostegno a Juan Guaidó © Win McNamee/Getty Images

I paesi che sostengono Maduro e quelli schierati con Guaidó

Sulla stessa linea di Washington, sin da subito, si sono schierati Canada, Colombia, Argentina, Cile, Costa Rica, Guatemala, Honduras, Panama, Paraguay e Perù. “Siamo convinti del fatto che Maduro rappresenti il problema e non la soluzione”, ha spiegato il presidente conservatore cileno Sebastian Pinera. “Vogliamo che i venezuelani ritrovino la via della democrazia”, ha aggiunto il ministro degli Esteri argentino Jorge Faurie.

Al contrario, manifestazioni ufficiali di sostegno al presidente in carica sono arrivate da Messico, Bolivia e Cuba. Il governo messicano ha in particolare spiegato che “conformemente ai nostri principi costituzionali di non ingerenza, non ci associamo a coloro che non riconoscono più il presidente di una nazione con la quale manteniamo rapporti diplomatici”.

evo morales bolivia
Il presidente della Bolivia Evo Morales si è schierato al fianco di Nicolas Maduro © Jemal Countess/Getty Images)

Il presidente cubano Miguel Diaz-Canel ha inoltre ribadito “il nostro sostegno e la nostra solidarietà al presidente Maduro, di fronte ai tentativi imperialisti di screditare e destabilizzare la rivoluzione bolivariana”. Il capo di stato boliviano Evo Morales ha quindi puntato il dito contro gli Stati Uniti, “colpevoli di aver promosso un colpo di stato e uno scontro fratricida tra venezuelani”.

A sostegno di Maduro si sono inoltre schierate la Russia di Vladimir Putin e la Turchia di Recep Tayyip Erdogan. La Cina, infine, ha spiegato di aver “sempre applicato il principio di non ingerenza negli affari interni di altre nazioni” ed ha affermato di essere “contraria alle intromissioni esterne negli affari del Venezuela”.

Articoli correlati