Wall-E, un robot per riflettere

Wall-E è un film che ci invita in maniera poetica e romantica a ripensare al significato delle nostre vite, in un mondo che, sopraffatto dagli affanni e dagli stress della modernità e del progresso, non capisce più cosa significhi vivere.

di Jan Pochobradsky

Ambientato 800 anni nel futuro, il film racconta la storia di un robot di nome Wall-E (Waste Allocation Load Lifter Earth-Class), che viene lasciato sulla Terra per ripulire il pianeta, abbandonato dagli esseri umani nel XXII secolo a causa degli elevati livelli di inquinamento che l’hanno reso inospitale per ogni essere vivente. Dopo centinaia di anni trascorsi in solitudine a svolgere la funzione per cui è stato programmato, la sua vita cambia nel momento in cui incontra Eve (Extra-terrestrial Vegetation Evaluator), un elegante robot-sonda che fa parte di una flotta di robot inviati sulla Terra in perlustrazione segreta per conto degli umani, che attendono impazientemente notizie a bordo della lussuosa stazione spaziale Axiom, per sapere quando sarà sicuro tornare a casa.

L’incontro è per Wall-E un’illuminazione: grazie a un po’ di romanticismo, il piccolo robot scopre un nuovo scopo nella vita e si convince che ci deve essere qualcosa di più importante del monotono lavoro quotidiano di raccogliere e compattare spazzatura. Decide così di inseguire Eve nella galassia, imbarcandosi in un’incredibile avventura in compagnia di un esilarante cast di personaggi.

Leggi anche:  Toy Story 4 è un film sulle seconde possibilità, anche se sei una forchetta di plastica

Più umano degli umani

Wall-E è un film che ci invita in maniera poetica e romantica a ripensare al significato delle nostre vite in un mondo che, sopraffatto dagli affanni e dagli stress della modernità e del progresso, non capisce più cosa significhi vivere. Il protagonista è infatti una sorta di eroe involontario che ha l’abilità di influenzare l’umanità e che, paradossalmente, rappresenta la cosa più umana rimasta sulla Terra. Come afferma Lindsay Collins, co-produttrice di Wall-E: “Questo piccolo robot insegna all’umanità come essere di nuovo umana”.

Wall-E
Wall-E è un manifesto ecologista ed è considerato uno dei capolavori realizzati da Disney Pixar © Disney Pixar

Una denuncia del consumismo

Numerosi anche gli spunti di riflessione sull’ecologia e l’intento di far soffermare il pubblico sui danni che provoca la pigrizia di una società che, coi suoi consumi compulsivi e sfrenati, riempie il pianeta d’ogni sorta di materiale senza preoccuparsi di come eliminarlo e delega ad altri questo compito.

Due analisi, quella socio-antropologica e quella ecologica, che sono fortemente correlate e che soggiacciono alla trama e che conferiscono ancor più spessore e interesse a Wall-E, rendendolo un film che va oltre la pura e semplice commedia.

Leggi anche: Oceania, il nuovo film della Disney è un inno alla natura

Wall-E
Wall-E è il primo film di fantascienza della Pixar ed è diventato una pietra miliare del genere. © Disney Pixar

Un successo di pubblico e critica

Una storia divertente, capace di emozionare i più piccoli grazie ad una trama affascinante e coinvolgente, ma allo stesso tempo in grado di far riflettere tutti, adulti compresi, sulla situazione attuale della società moderna, raccontata con ironia e supportata dall’avvincente regia e sceneggiatura di Andrew Stanton. Premiato nel 2009 sia con il Golden Globe che con l’Oscar nella categoria miglior film d’animazione Wall-E ha messo d’accordo pubblico e critica, incassando nel mondo oltre 533 milioni di dollari.

Molto apprezzata anche la colonna sonora, curata dal compositore Thomas Newman e nominata agli Oscar, insieme alla canzone Down to Earth, scritta da Newman con la collaborazione del cantante, compositore e produttore discografico britannico Peter Gabriel.

 

Articoli correlati
I vincitori e tutto il meglio del festival Cinemambiente 2019

Disastri ecologici, l’impatto dell’uomo sul pianeta, declino sociale, ma anche l’ondata di speranza portata dall’attivismo della nuova generazione verde. Sono alcuni dei temi dei film premiati a Cinemambiente 2019, svoltosi a Torino dal 31 maggio al 5 giugno.