Covid-19

In Cina una giornalista che indagò su Wuhan è stata condannata a 4 anni di carcere

La giornalista Zhang Zhan è stata condannata a 4 anni di carcere: aveva seguito sin dai primi giorni lo scoppio della pandemia criticando il governo cinese.

Condannata a quattro anni di carcere per aver fatto il proprio lavoro: documentare sin dai primi giorni lo scoppio dell’epidemia di coronavirus a Wuhan, poi diventata la pandemia mondiale che tutti conosciamo. È quanto accaduto a Zhang Zhan, giornalista cinese di 37 anni, ex avvocatessa, che ai primi di febbraio si era trasferita da Shanghai, la sua città, a Wuhan, che in quei giorni stava diventando l’epicentro della diffusione della Covid-19.

Da allora, per diversi mesi, Zhang Zhan ha condiviso video che mostravano ospedali affollati e residenti preoccupati per la propria salute, ma anche per le proprie attività lavorative, criticando con severità il governo cinese per la mancanza di trasparenza nella comunicazione delle informazioni su cause e andamento del contagio, per il ritardo nell’attuazione del lockdown, e contraddicendo la macchina della propaganda ufficiale del regime impegnata a respingere le critiche provenienti dalla Cina, ma soprattutto dal mondo esterno.

Molti altri giornalisti indipendenti cinesi furono arrestati durante l’epidemia della scorsa primavera, arresti accompagnati da censure e minacce ai familiari: nel suo ultimo video pubblicato a maggio Zhang Zhan stessa sottolineava che “il modo in cui il governo gestisce questa città è fatto solo di intimidazioni e minacce. Questa è la vera tragedia di questo paese”. Da quel giorno in poi, i suoi video furono rimossi dalla rete e non ne seguirono altri: dopo settimane di silenzio si era appreso che la giornalista era stata arrestata e riportata a Shanghai, dove aveva intrapreso uno sciopero della fame che aveva costretto i medici a nutrirla tramite flebo.

Un processo farsa durato 3 ore 

Secondo quando riportato dal New York Times, il processo che si è svolto oggi a Shanghai e al termine del quale Zhang, apparsa su una sedia a rotelle e molto magra, è stata condannata per aver diffuso false informazioni e, letteralmente “per aver causato litigi e provocato problemi”, una formula volutamente vaga usata molto spesso in processi di questo tipo, è durato appena tre ore. “Temo che possa continuare il suo sciopero dalla fame, sono preoccupato per la sua vita”, ha spiegato il suo avvocato, dopo la lettura della sentenza.

Articoli correlati