9 animali che prendono il nome da altre specie con cui non c’entrano nulla

Ci sono animali il cui nome non indica ciò che veramente sono, ma ricorda specie completamente differenti. Ecco perché i tassonomisti hanno scelto questi nomi.

Anfibi con nomi di mammiferi, uccelli con nomi di insetti, mammiferi marini con nomi di mammiferi terrestri. Trovare un nome per ognuna delle 1,7 milioni di specie catalogate (anche se si calcola che ce ne siano più o meno 8,7 milioni) può essere dura alla lunga, ma non è questo il motivo. Non si tratta di mancanza di fantasia da parte dei tassonomisti, a volte, semplicemente, è che la somiglianza con animali più famosi (sia che si tratti dell’aspetto estetico, dell’alimentazione o del comportamento) rende più immediata la comprensione.

Pensiamo, ad esempio, allo scarabeo rinoceronte (Oryctes nasicornis). L’accostamento con il grande mammifero è giustificato dal corno sfoggiato dall’insetto, sembra davvero un rinoceronte, ed è un nome molto più efficace di uno creato ad hoc come potrebbe essere “scarabeo dal grande corno”. Si tratta quindi di una classificazione fatta per comodità, possiamo trovarne tantissimi esempi nella zoologia. Eccone alcuni.

Colibrì ape

I colibrì sono gli uccelli più piccoli del mondo e il colbrì ape (Mellisuga helenae) è il più piccolo in assoluto. Non è quindi difficile capire perché questo minuscolo volatile, in grado di appollaiarsi sopra la gomma di una matita e goloso del nettare dei fiori, sia stato associato ad un’ape. Purtroppo, proprio come la vere api, inquinamento e perdita dell’habitat ne stanno mettendo a rischio la sopravvivenza.

colibrì ape

Grillotalpa

Osservando un grillotalpa (Gryllotalpa gryllotalpa) non viene spontaneo associarlo ad una talpa. Perché quindi questo bizzarro insetto è stato battezzato così? È presto detto, questi animali sono dotati di robuste zampe anteriori che li rendono eccellenti scavatori, proprio come le talpe. Così come il suo quasi omonimo il grillotalpa è l’incubo dei contadini, questo animale infatti scava gallerie sotto il terreno rovinando i giardini e danneggiando l’apparato radicale di molte piante.

Grillotalpa

Rana leopardo

Se sei un animale e nasci con il corpo ricoperto di macchie rassegnati, non puoi che essere accostato al leopardo. È il caso della rana leopardo (Rana pipiens Schreber), specie di anfibio tipica dell’America Settentrionale, la cui pelle è costellata da un arabesco di macchie scure e irregolari, proprio come il celebre felino. Questa rana ha il triste primato di essere la specie più utilizzata nei laboratori e nelle scuole per la dissezione.

Rana leopardo

Ragno dei cammelli 

Con i cammelli il ragno dei cammelli (Galeodes arabs) condivide l’habitat, il deserto, la resistenza al clima estremo e poco altro. Il loro nome deriva da miti e racconti privi di fondamento secondo i quali questi animali si nutrirebbero dello stomaco dei cammelli. Per dirla tutta questo animale non è neppure un ragno, fa parte degli aracnidi, ma in realtà è un solifugo.

www.richard-seaman.com

Elefante marino

Non è grosso come un vero elefante, ma l’elefante marino (Mirounga) è comunque un colosso che può arrivare a pesare quattro tonnellate. Il nome non deriva però dalla sua stazza, ma dalla protuberanza sul muso simile ad una proboscide. Questa curiosa appendice serve a modulare dei veri e propri ruggiti per incutere timore negli altri maschi durante la stagione riproduttiva.

elefante marino

Punteruolo giraffa

Questo piccolo insetto prende il nome da una delle creature più grandi del pianeta. Anche in questo caso il nome è azzeccato, basta dare uno sguardo alla strana forma del collo di questa specie di punteruolo per pensare immediatamente ad una giraffa. Il particolare corpo di questo insetto aiuta i maschi nella lotta e le femmine nella costruzione del nido.

punteruolo giraffa

Orso puzzola

Il suo vero nome è ghiottone (Gulo gulo) e non è né un orso né una puzzola. È il più grande mustelide del mondo, appartiene cioè alla famiglia di mammiferi di cui fanno parte anche la lontra, il tasso, la puzzola e l’ermellino. Il ghiottone deve l’accostamento all’orso per via del suo aspetto fisico e della sua combattività, mentre l’appellativo di “puzzola”, affibbiatogli dai nativi americani, si spiega con le puzzolenti secrezioni che dissemina per marcare il territorio o per ottenere l’attenzione di potenziali compagne.

Ghiottone

Topo delle cavallette

Il topo delle cavallette (Onychomys torridus) deve il suo nome alla sua preda preferita, la cavalletta appunto. Questo piccolo topolino vive nel deserto dell’Arizona e si ciba prevalentemente di insetti, cavallette appunto, ma anche millepiedi e scorpioni, incurante delle loro punture. Uno studio pubblicato su Science ha dimostrato che questo animaletto ha sviluppato una straordinaria resistenza al veleno degli scorpioni.

topo delle cavallette

Squalo tigre

Così come gli animali maculati vengono associati al leopardo quelli tigrati vengono chiamati tigre. È il caso dello squalo tigre (Galeocerdo cuvier), grande squalo caratterizzato dalle scure striature verticali che caratterizzano gli esemplari più giovani e che si attenuano con il passare degli anni. Oltre la livrea questo pesce condivide con il felino la straordinaria capacità predatoria e la fama di “mangiauomini”.

squalo tigre

Articoli correlati