Chi è Angelika Trabert, l’atleta paralimpica che solo a cavallo si sente davvero libera

Vi raccontiamo la storia di Angelika Trabert, amazzone tedesca nata senza arti inferiori, che va a cavallo da quando ha sei anni e può vantare decine di medaglie.

Per superare un ostacolo devi fidarti del tuo cavallo, che a sua volta dev’esser sicuro di poter contare su di te. Quando desideri qualcosa, sa di cosa si tratta prima ancora che tu lo chieda. Percepisce ogni lieve movimento del tuo corpo, vi muovete insieme; comprende la tua paura, la tua felicità, i vostri cuori battono all’unisono. “Con quest’animale puoi ottenere risultati incredibili, perché davvero ti capisce”.

Lo sa bene Angelika Trabert, che è salita per la prima volta in sella all’età di sei anni. “Probabilmente i miei pensavano – o meglio, speravano – che a dodici o tredici anni avrei smesso”, scherza l’amazzone tedesca, che invece ha partecipato a cinque edizioni dei Giochi paralimpici e può vantare 24 medaglie nella disciplina equestre del dressage, che richiede a cavallo e cavaliere preparazione estrema e grandissima concentrazione.

Angelika Trabert a cavallo
Angelika Trabert in sella a Londria © MN Chan/Getty Images

Solo a cavallo, Angelika Trabert può essere davvero se stessa

“Quando sono in sella, sono semplicemente libera. Come mai lo sarò sulla sedia a rotelle”. Trabert è affetta da micromelia, perciò è nata senza arti inferiori e solo tre dita nella mano destra. Questo non le ha impedito di dedicarsi alla sua passione. Nel 1985 studiava negli Stati Uniti; lì conobbe una ragazza che montava a cavallo senza protesi e la sua vita cambiò per sempre.

È l’abilità che conta, non la disabilitàAngelika Trabert

Anche agli occhi di chi è nel mondo dell’equitazione da anni, Angelika Trabert risulta incredibile. È uno sport dove le gambe si usano molto, ma allo stesso tempo ogni cavaliere sa che non sono strettamente necessariamente perché l’animale percepisce tutto, dal movimento del bacino allo sguardo, dalla voce alla minima vibrazione che viene trasmessa lungo le redini.

Sicuramente, però, fra Trabert e il suo cavallo dev’esserci un’intesa fuori dal comune, ancora più forte rispetto a quella che si crea fra i membri di un binomio qualunque. Il primo che ha acquistato è Ghazim, esemplare di razza Trakehner che ha felicemente vissuto fino a 26 anni. “È quando si stabilisce quella connessione che capisci di poter essere uguale alle persone prive di handicap, o perfino raggiungere risultati migliori”.

L’amazzone tedesca sogna di aiutare gli studenti con disabilità in Africa

Angelika Trabert è anestesista: lavora in una prestigiosa clinica tedesca, ma ha prestato servizio anche in Guinea dove sogna di costruire una scuola professionale per giovani disabili. Al momento insegna loro ad andare a cavallo – Ghazim l’ha affiancata finché ha potuto – ma anche che “è l’abilità che conta, non la disabilità”.

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

L'autenticità di questa notizia è certificata in blockchain. Scopri di più
Articoli correlati
La strage dei bambini a Gaza nella foto vincitrice del World press photo 2024

Si chiamava Saly, aveva cinque anni. Nello scatto vincitore del World press photo 2024, il concorso di fotogiornalismo più importante al mondo, non si vede un centimetro del suo corpo senza vita. E non si vede nemmeno il volto della zia, Ines Abu Maamar, che lo stringe forte a sé. Mohammad Salem, fotografo dell’agenzia Reuters,