Iran e Armenia guidano la nuova era della cooperazione internazionale

L’Armenia cerca di crescere economicamente aggiungendo l’ultima pedina allo scacchiere euroasiatico. E c’è un nuovo protagonista: l’Iran.

Ora che le sanzioni commerciali nei confronti dell’Iran sono state abolite, il paese asiatico si trova di fronte a un’infinità di occasioni. Alla luce di questa nuova realtà, l’Iran sta unendo le forze con l’Armenia per cercare modi alternativi di fare affari e crescere economicamente.

Perché l’Iran crede nell’Armenia?

Negli ultimi due anni l’Armenia si è impegnata molto per riformare il proprio settore commerciale con l’obiettivo di diventare una piattaforma stabile e promettente dove fare affari. Dato che l’Armenia può costituire un ambiente neutrale, se l’Iran investe in questa nazione avrà presto l’opportunità di immettersi in mercati più ampi a cui prima non poteva accedere, tra cui quello dell’Unione Europea (Eu) e dell’Unione economica eurasiatica (Eeu).

L’Armenia gode – come previsto dal trattato dell’Eeu firmato alla fine del 2014 – del trasferimento di beni ammesso tra i paesi membri, cioè il Kazakistan, la Bielorussia, il Kirghizistan e la Russia. I prodotti armeni possono inoltre essere collocati sul mercato europeo a un prezzo competitivo. Il Sistema di preferenze generalizzate (Spg +) garantisce l’esportazione preferenziale di settemila prodotti armeni in Europa senza che questi vengano fermati in dogana.

yerevan armenia
Le strade di Yerevan, la capitale dell’Armenia © Sarine Arslanian

Il corridoio che collega l’Europa all’Asia

Avere buone infrastrutture è la condizione necessaria per fare affari in modo efficiente e per creare un ambiente affidabile. A tal proposito l’Armenia ha iniziato a lavorare a un paio di progetti che ridurrebbero i costi e i tempi di trasporto. Uno di questi è il corridoio che collega l’Europa all’Asia e che coinvolge il confine tra Armenia, Georgia e l’Iran. Nel dicembre 2015 due sezioni del corridoio sono già state aperte.

Il progetto consiste nel miglioramento, ove possibile, delle strade già esistenti e nella costruzione di nuove strade dove ce n’è bisogno. Grazie a questo progetto la vita degli abitanti armeni potrebbe cambiare considerevolmente perché i tempi di spostamento saranno ridotti da tre a due ore, secondo alcune stime. Oltre al guadagno economico e sociale, c’è un altro aspetto di fondamentale importanza. Da quando l’Armenia ha chiuso le porte a due paesi confinanti (Turchia e Azerbaigian), deve far in modo di mitigare gli effetti di questo blocco.

Ci sono anche nuovi piani per una ferrovia di collegamento e forse per un secondo gasdotto.

yerevan armenia
Yerevan © Sarine Arslanian

Sia l’Iran che l’Armenia stanno facendo del loro meglio per trovare soluzioni alle questioni che attualmente devono affrontare, in modo da trarne vantaggio entrambi. Questa è una nuova era per la cooperazione internazionale e la crescita economica. Per fare sì che tutto ciò diventi realtà, l’Armenia si sta impegnando a costruire infrastrutture che favoriscano gli scambi commerciali tra le due nazioni.

Tradotto da

Articoli correlati
Nell’Iran di Raisi i giovani sono più esclusi che mai

Mentre la vittoria di un presidente conservatore in Iran era prevista, la società non crede più che il proprio voto possa fare la differenza. Ne abbiamo parlato con la giornalista Cecilia Sala e alcuni studenti iraniani.