Arte delle meraviglie nelle opere di Arcimboldi

La fortuna di Giuseppe Arcimboldi

Costruire delle teste umane servendosi di elementi pertinenti ma
di altra natura non è il solo merito riconosciuto
all’Arcimboldi: i ricchissimi significati concettuali e formali
uniti alla tecnica di estrema raffinatezza ne fanno un vero e
proprio manifesto della cultura e dell’arte del suo tempo.

Negli anni Cinquanta Giuseppe Arcimboldi (Milano 1527 circa – 1593)
lavora nel cantiere del Duomo prima di passare a Vienna nel 1562,
come ritrattista e pittore prediletto alla corte dell’imperatore
Massimiliano e, più tardi, di Rodolfo II.

Le favolose teste dipinte nel periodo trascorso a corte
appartengono al regno del meraviglioso e rispondono ad una logica
ingegnosa che si basa sul rapporto di analogia ma anche di dominio
dell’uomo sulla natura.
Come pittore al servizio di una committenza laica e di corte,
Arcimboldi celebra la podestà dell’imperatore Rodolfo II
rappresentandolo nei suoi quadri come Vertunno, il dio della
vegetazione e dei cambiamenti presso gli antichi Romani. La figura
di Rodolfo è composta da magnifici frutti, da fiori e
verdure varie che rappresentano allo stesso tempo anche le quattro
stagioni.

Le stesse stagioni (Primavera, Estate, Autunno, Inverno) e gli
elementi (Aria, Acqua, Terra, Fuoco) alludono alla manificenza
degli Asburgo che dispensano i propri sudditi con l’abbondanza
prodotta da un buon governo.
L’intento allegorico di Arcimboldo si appoggia a una visione
prosperosa e positiva della natura, madre generosa, portatrice di
energie e influenze benigne.

Sonia Tarantola

Articoli correlati
Lo scienziato felice

Per trovare il nostro pensiero non dobbiamo seguire i condizionamenti sociali, ma rimetterli in discussione. Ci sono due tipi di arte: quella che genera piacere e quella che genera felicità.

Cocci in mostra per gli artigiani abruzzesi

Il progetto Riciclo Arte Ricostruzione – Adotta una bottega in Abruzzo è nato quasi per caso. Un’artigiana di Cocullo (AQ), una ceramista, la mattina dopo il terremoto ha trovato garn parte delle sue opere d’arte trasformate in cocci.

Mediterranea – Tra Jazz e Futurismo

Un festival per parlare di cultura, letteratura, arte. Mediterranea, manifestazione ideata ed organizzata dall’Associazione Culturale Allegorein, è giunta ormai alla sua VI edizione.

Il tempo delle ninfee

Lo studio di Monet per le ninfee fu talmente intenso e quasi ossessivo che nel 1925, un anno prima della sua morte, l’artista scrisse “Non dormo più per colpa loro, di notte sono continuamente ossessionato da ciò che sto cercando di realizzare.

Allarmi 2008

Tre curatori, tre temi, tre percorsi. Parliamo di Allarmi 2008, mostra d’arte contemporanea alla Caserma de Cristoforis di Como dal 30 maggio al 22 giugno.

Warhol e Beuys a Milano

Due geni dell’arte contemporanea del Novecento, Warhol e Beuys, che si incontrano, questa volta a Milano. Fondazione Mazzotta, foro Buonaparte 50, Milano. Fino a fine marzo 2008.