Artiglio del diavolo: proprietà della pianta e controindicazioni

Parliamo dell’Artiglio del diavolo, una pianta originaria dell’Africa sud-orientale, da secoli utilizzata per curare i dolori articolari, tra cui l’artrosi.

La pianta dell’Artiglio del diavolo

Il nome latino, Harpagophytum procumbens, deriva dalla forma del frutto, duro e ricoperto da artigli, in cui talvolta  si impigliavano gli zoccoli delle bestie da soma. Ecco perché questa pianta, della famiglia delle pediliacee, era considerata “diabolica”. Da qui il nome volgare, “Artiglio del diavolo”.

Proprietà dell’Artiglio del diavolo

L’aspetto non deve ingannare. Già nell’antichità, infatti, nelle sue zone d’origine – Namibia, Sud Africa e Botswana
– l’Artiglio del diavolo era utilizzato dalle tribù boscimani, ottentotte e bantu per favorire la digestione, curare i disturbi dell’apparato digerente e come febbrifugo e tonico.

artiglio del diavolo
L’Artiglio del diavolo è antinfiammatorio e analgesico © Ingimage

Scoperta dagli occidentali nei primi anni del 1900, la pianta è stata introdotta in Europa, ad uso terapeutico, solo nel 1953. Da quel momento, diversi studi ne hanno dimostrato l’efficacia come analgesico contro i dolori reumatici ed articolari (protegge le cartilagini). Le parti sfruttate sono le radici laterali secondarie. L’azione farmacologica è dovuta principamente all’arpagoside, una sostanza iridoide (cioè un glucoside, ovvero un composto derivato dal glucosio) con proprietà antinfiammatorie ed analgesiche.

Artiglio-del-diavolo-3
L’rtiglio del diavolo può essere assunto sotto forma di decotto o tisana

Artiglio del diavolo per artrosi

E’ utile per curare i dolori reumatici, l’artrosi, le infiammazioni tendinee e muscolari. E’ ipoglicemizzante e ipocolesterolemizzante. L’Artiglio viene somministrato sia sotto forma di decotto che di estratto, sempre sotto controllo medico, perché potrebbe dare bruciori di stomaco, se assunto in quantità eccessiva; infine si può usare a livello locale sotto forma di pomata.

Per il mal di testa da artrosi cervicale

Antidolorifico naturale efficace contro il mal di testa da cervicale. Può essere assunto in compresse o capsule, decotti e tisane, tintura madre, macerato glicerico e pomata. Per il dosaggio consultare il proprio erborista di fiducia.

artiglio del diavolo
L’Artiglio del diavolo è un antidolorifico naturale © Ingimage

Si può prendere in gravidanza?

Stimola le contrazioni uterine e anticipa il parto dunque è da evitare in gravidanza.

Controindicazioni

Per la sua azione ipoglicemizzante è sconsigliato ai diabetici che già assumono farmaci a tale scopo. Il suo uso è controindicato anche per soffre di gastrite e ulcera duodenale, perché la pianta stimola la secrezione gastrica. L’artiglio del diavolo interagisce con i farmaci anticoagulanti.

 

Foto di copertina © http://mr-ginseng.com/wp-content/uploads/2012/01/harpagophytum.jpg
Articoli correlati
Ricerca in omeopatia, il racconto di chi la fa in Italia

La ricerca medico scientifica in omeopatia esiste e porta a risultati concreti. Un contributo alla letteratura scientifica in questo settore arriva dagli studi del Prof. Paolo Bellavite e del suo gruppo, condotti nel corso di molti anni presso l’Università di Verona.

Effetto placebo, l’omeopatia applicata alle piante lo smentisce

Ricerche in laboratorio hanno dimostrato che i vegetali, immuni dall’effetto placebo, se trattati con medicinali omeopatici reagiscono diventando più resistenti e più ricchi di sostanze nutraceutiche. Ce ne parla Lucietta Betti, già ricercatore confermato e docente di patologia vegetale e micologia.