Beatles: è tempo di registrare “Eight Days A Week”

Giornata in studio quella del 6 ottobre 1964 per i Beatles. I Fab Four infatti quel giorno registrano “Eight Days A Week”.

E’ martedì 6 ottobre 1964. Allo Studio 2, presso gli EMI Studios di Londra, i Beatles sono impegnati nelle registrazioni di “Eight Days A Week”. Sono tredici le take con cui sperimentano anche nuovi attacchi e finali. Il tutto si risolverà con una dissolvenza in apertura e una in chiusura, effettate successivamente, in fase di mixaggio. La registrazione sarà completata quello stesso giorno, tranne per alcune parti da montare in seguito, per cui si dovrà attendere fino a domenica 18 ottobre.

 

 

Come si può intendere dai nastri, anche un’altra canzone stava prendendo forma quegli stessi giorni: si tratta di “I Feel Fine”Si sente infatti John Lennon mentre strimpella il singolare riff chitarristico tra una take e l’altra di “Eight Days A Week”.

Sarà solo uno dei primi esperimenti tra tutti quelli provati in studio di lì a poco dai Fab Four e dal loro produttore George Martin.

 

Il brano esce come singolo per il mercato americano il 15 febbraio 1965 e raggiunge la vetta più alta della classifica di Billboard il 13 marzo del medesimo anno. Si tratta della settima volta del primo posto in chart ottenuto dai Fab Four negli Stati Uniti. Purtroppo, però, i Beatles non suoneranno mai dal vivo “Eight Days a Week”.

 

(a tal proposito cfr. anche Mark Lewisohn – La Grande Storia dei Beatles (Giunti Editore, 2005))

 

Leonardo Follieri e Roberto Vivaldelli

Articoli correlati
Lucio Battisti arriva sulle piattaforme di streaming online

Dopo una battaglia legale (in realtà ancora in corso) sui diritti musicali del catalogo della casa editrice musicale Acqua Azzurra, il liquidatore nominato dal Tribunale di Milano ha annunciato “l’estensione del mandato anche all’incasso dei diritti sul web” di dodici dischi a firma Lucio Battisti-Mogol.

Yoko Ono nel cast del nuovo film di Wes Anderson

Isle of dogs è il titolo del nuovo film d’animazione firmato Wes Anderson. A dare voce ai personaggi, tanti artisti e attori fra cui Yoko Ono, Bill Murray, Tilda Swinton, Edward Norton e Scarlett Johansson.