Big day, il fine settimana dedicato al birdwatching

Il 3 e il 4 ottobre nelle oasi Lipu si svolgerà la manifestazione dedicata al birdwatching e all’osservazione degli uccelli migratori.

Il prossimo fine settimana migliaia di occhi saranno rivolti al cielo per osservare la migrazione degli uccelli selvatici diretti verso i luoghi di svernamento fra Mediterraneo e Africa.

 

osservazione uccelli

 

Il 3 e il 4 ottobre infatti, nelle trenta oasi della Lipu, si svolgerà il Big Day, gara di birdwatching organizzata dalla Lipu in occasione dell’Eurobirdwatch, il più grande evento europeo dedicato all’osservazione dell’avifauna.

 

La gara, rivolta sia agli addetti ai lavori che ai semplici appassionati, sarà incentrata su tre sfide, tutte decisive per l’assegnazione del premio finale. I gruppi, composti da almeno una guida della Lipu, dovranno conteggiare il maggior numero di specie, avvistare la specie più rara (che sarà rivelata solo a fine gara) e formare il gruppo di partecipanti più numeroso.

 

“Abbiamo pensato di organizzare l’Eurobirdwatch in un modo nuovo, più divertente e coinvolgente rispetto alle passate edizioni – ha spiegato Fulvio Mamone Capria, presidente di Lipu-BirdLife Italia. – Il nostro obiettivo è sensibilizzare la gente a conoscere la migrazione e gli habitat naturali”.

 

migrazione

 

La competizione, oltre a diffondere la conoscenza e l’amore per la natura e la biodiversità, ha una finalità pratica, i dati raccolti saranno infatti trasmessi a BirdLife International e a Vogelbescherming Nederland (BirdLife olandese), l’associazione che coordina l’edizione 2015 dell’Eurobirdwatch.

 

Sono trentasei i paesi europei che quest’anno prenderanno parte alla manifestazione dedicata agli uccelli selvatici, gli avvistamenti, le fotografie e le segnalazioni serviranno per comporre un grande ritratto continentale della migrazione.

 

“Anche il semplice appassionato può contribuire ad arricchire la ricerca – ha dichiarato Augusto De Sanctis, organizzatore del Convegno Italiano di Ornitologia svoltosi in Abruzzo lo scorso settembre. – Se il suo dato, fino a qualche tempo fa, non aveva alcun peso scientifico, oggi esistono piattaforme che si giovano sia degli studi più classici che delle singole segnalazioni”.

 

cavalieri d'Italia

 

Aironi, garzette, falchi, poiane e tante altre specie saranno le protagoniste del fine settimana, giornate solitamente dedicate alla caccia in questo periodo, sarà quindi anche un’occasione per opporsi a questa pratica crudele e desueta e “armarsi” semplicemente di binocolo e ammirare lo spettacolo della vita.

Articoli correlati