Senza turisti le tartarughe marine tornano a nidificare in Thailandia

Buone notizie dall’isola di Koh Samui, in Thailandia: dal mese di febbraio sono nate 838 tartarughe marine, numeri che non si vedevano da tempo.

Circa cinquant’anni fa sull’isola di Koh Samui, fra le maggiori dell’arcipelago thailandese, nel Sudest asiatico, non c’erano strade. I suoi fertili terreni erano ricoperti di foreste lussureggianti e piantagioni di palme da cocco. Tutto è cambiato con l’arrivo dei turisti, che ormai riescono a superare i due milioni all’anno. Bisognosi di spiagge, hotel e servizi. Nell’ultimo periodo, però, la pandemia di Covid-19 ha fermato la maggior parte di loro. Con gravi danni all’economia locale, ma grossi vantaggi per l’ambiente.

Quali specie di tartarughe sono nate quest’anno in Thailandia

Come racconta al quotidiano britannico Guardian, era proprio da una cinquantina d’anni che Kosum Kao-Uthai non vedeva quelle che fin da piccola, quando aiutava il padre a raccogliere le noci di cocco, aveva imparato a riconoscere come impronte di tartaruga sulla sabbia. Nella tranquillità dell’isola deserta sono nati, a partire dal mese di febbraio, ben 838 esemplari di tartaruga embricata (Eretmochelys imbricata) e di tartaruga verde (Chelonia mydas), due specie di tartaruga marina che rischiano l’estinzione. Inoltre, le uova in due dei diciannove nidi avvistati finora devono ancora schiudersi.

L’impegno degli studiosi e l’euforia degli abitanti

Questa proliferazione ha restituito grandi speranze ai conservazionisti che da tempo lottano per salvaguardare la fauna locale. “Siamo emozionati e confidiamo che d’ora in poi gli abitanti ci aiuteranno in quest’impresa, che finalmente sembra possibile”, ha dichiarato al Guardian il dottor Thon Thamrongnawasawat, dell’università di Bangkok. A giudicare dall’entusiasmo degli isolani, che hanno costruito recinzioni di bambù per proteggere i nidi, e di alcuni albergatori che hanno chiesto ai portieri notturni di vegliare sui nascituri, si direbbe che la popolazione sia pronta ad affrontare la sfida.

View this post on Instagram

Buone notizie dalla Thailandia. Con le spiagge vuote a causa del coronavirus, i nidi di specie protette come la #tartaruga embricata e la tartaruga verde si sono moltiplicati sull’isola di Ko Samui, la seconda più grande dell’arcipelago. Da febbraio sono nate 838 tartarughine, e altre ne sono in arrivo. Questa proliferazione ha dato speranza ai conservazionisti che da anni lottano per salvaguardare queste specie: “Speriamo che d’ora in poi gli abitanti ci aiuteranno in quest’impresa, che finalmente sembra possibile”, ha dichiarato al @guardian il dottor Thon Thamrongnawasawat, dell’università di Bangkok. This year, as the #coronavirus #pandemic emptied Thailand of tourists, nests belonging to endangered hawksbill and green #turtles cropped up across Koh Samui. Since February, 838 baby turtles have scuttled their way across the island’s sandy beaches and into the #sea, with two nests yet to hatch. The surge in nests has delighted conservationists who have been fighting for years to reduce the threats posed by humans. “It is really exciting and we hope that people in Samui will help us protect the turtles in the future – we have a chance,” says Dr Thon Thamrongnawasawat, deputy dean at the faculty of fisheries at Kasetsart University in Bangkok. Photos by Chris McGrath/Getty Images. . . . #sealife #ocean #wildlife #conservation #species #endangeredspecies #animals #turtle #kohsamui #thailand #tailandia #tourism #hope #goodnews #mondaymotivation #goodvibes #environment

A post shared by LifeGate (@lifegate) on

Conosciamo meglio questi animali

Le tartarughe marine depongono in media un centinaio di uova ogni due o tre anni, preferibilmente durante la notte, sotto alberi o piante che di giorno sapranno mantenere il nido all’ombra. Sicuramente, conoscere queste informazioni è di grande aiuto per assicurare alle femmine la presenza di aree di nidificazione ottimali. Proprio per capire meglio quali sono le loro abitudini, il centro di biologia marina di Phuket ha dotato una delle tartarughe embricate che hanno deposto le uova su Koh Samui di un dispositivo di localizzazione, così da studiarne i movimenti e il comportamento. È in fase di sviluppo, inoltre, una tecnologia di riconoscimento facciale per identificare i vari esemplari ed avere così numeri più precisi.

Quali sono le minacce per le tartarughe marine

Parallelamente, serve l’impegno del governo contro il bracconaggio e la pesca incontrollata, minacce che si aggiungono a quella rappresentata dal riscaldamento globale, che modifica le correnti, aumenta la frequenza e l’intensità degli uragani e danneggia le barriere coralline, fondamentali per l’intero ecosistema oceanico. Lo studio di un team di biologi statunitensi ha evidenziato addirittura come dalla temperatura della sabbia dipenda il sesso dei nascituri: più questa è calda, maggiore è la probabilità che dall’uovo nasca una femmina. Con evidenti conseguenze sulla continuità della specie.

Il rispetto è sempre la chiave

Senza dubbio, per attuare interventi mirati servono entrate. Che provengono anche dal turismo. Come auspica il dottor Thamrongnawasawat, bisogna soltanto raggiungere una forma di equilibrio. Non è necessario rinunciare a visitare il mondo, ma non è nemmeno necessario farlo in maniera irrispettosa delle altre creature che ci vivono. Un’opportuna segnaletica a tutela dei nidi, la regolamentazione dei flussi turistici e le buone maniere da parte di ogni visitatore saranno già un ottimo punto di partenza per garantire un futuro sereno alle tartarughine che si apprestano ad affrontare l’oceano.

Articoli correlati