Scoperta in Borneo un nuova specie di lumaca. E il nome è un omaggio a Greta Thunberg

Una spedizione nel parco nazionale Ulu Temburong nel Brunei ha scoperto una nuova specie, chiamandola Craspedotropis gretathunbergae, in onore dell’attivista svedese.

Sono stati i partecipanti di una spedizione di ricercatori e cittadini scienziati – citizens scientist – a scoprire una nuova specie di gasteropode nel parco nazionale di Ulu Temburong nel Brunei, in Borneo. I ricercatori facevano parte di un gruppo della Taxon Expeditions, società che organizza uscite scientifiche sul campo proprio per studiare gli habitat della foresta. La nuova lumaca è stata chiamata Craspedotropis gretathunbergae, in onore dell’attivista svedese, dato che l’habitat della nuova specie potrebbe essere a rischio a causa dei cambiamenti climatici. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica Biodiversity Datajournal.

lumaca
La nuova specie di lumaca Craspedotropis gretathunbergae © Taxon Expeditions

“La lumaca appena descritta appartiene ai cosiddetti caenogastropodi, un gruppo di lumache di terra note per essere sensibili alla siccità, agli estremi di temperatura e al degrado delle foreste”, ha detto il biologo evoluzionista Menno Schilthuizen e co-fondatore di Taxon Expeditions. Tutti gli individui sono stati trovati molto vicino alla stazione di ricerca Kuala Belalong Field Studies Centre, ai piedi di un ripido pendio di una collina vicino alla riva del fiume, mentre cercavano riparo sulle foglie delle piante sottostanti.

La lumaca dal nome svedese

“Chiamare questa lumaca come Greta Thunberg è il nostro modo di riconoscere che la sua generazione dovrà risolvere problemi di cui non è responsabile”, ha invece detto uno degli scienziati autori dell’osservazione. “Ed è una sorta di promessa che le persone di tutte le generazioni si uniranno a lei per aiutarla”.

L’ordine dei Caenogastropoda terrestri costituisce una componente importante della malacofauna (il gruppo che comprende anche le lumache di terra) della foresta. Quest’ultime però sarebbero più sensibili alla siccità e al degrado delle foreste come dimostrato da studi precedenti sulle colline calcaree della Sabah (Schilthuizen et al. 2005). La principale minaccia infatti risulta essere la riduzione progressiva della copertura forestale che quest’area del pianeta sta subendo nelle ultime decadi.

Greta Thunberg ha incontrato Leonardo DiCaprio
Venerdì 1 novembre, l’attivista svedese Greta Thunberg ha incontrato Leonardo DiCaprio, l’attore ambientalista © Leonardo DiCaprio / Instagram

Era già accaduto anche a DiCaprio

Non è la prima volta che la Taxon Expeditions “omaggia” dei personaggi famosi nel mondo per il loro attivismo. Nel 2018 lo stesso gruppo di ricercatori avevano battezzato una nuova specie di scarabeo d’acqua scoperta nel Borneo con il nome di Grouvellinus leonardodicaprioi, in onore dell’attore hollywoodiano impegnato da tempo per la tutela del pianeta e per spingere all’azione nei confronti dei cambiamenti climatici.

Articoli correlati
Per proteggere le spiagge salviamo le dune

Senza le dune non esisterebbero nemmeno le spiagge. Ecco perché il progetto europeo Redune sta tentando di salvare parte della fascia litorale veneta, mettendo a dimora oltre 150mila piante.