BSE: casi, indizi e sospetti

BSE: In Italia affiorano nuovi casi di infezione da encefalopatia spongiforme bovina, mentre in Europa le indagini fanno emergere nuovi sviluppi.

BSE: Il 18 ottobre il Ministero della Salute annuncia “bovino non
negativo in un allevamento di Bolzano”, una bovina femmina di
cinque anni di razza Bruna. Il 17 ottobre: “bovina non negativa in
un allevamento in Friuli”, una bovina femmina di sei anni di razza
pezzata nera, proveniente da un allevamento della provincia di
Udine. Lo stesso giorno, il 17, l’istituto zooprofilattico di
Torino ha annunciato la positività di un bovino proveniente
da un allevamento di Vercelli.

In Italia affiorano nuovi casi di infezione da encefalopatia
spongiforme bovina, mentre in Europa le indagini fanno emergere
nuovi sviluppi.

In Inghilterra la Food Standard Agency ha trovato “BSE infectivity”
nelle tonsille delle mucche. Mentre è stato trovato midollo
spinale (una parte “SRM – specified risk material” a rischio BSE)
in carne proveniente dalla Germania. La scoperta è avveuta
durante un controllo operato su 182 carcasse dal Meat Hygiene
Service (MHS) inglese l’11 ottobre a Eastbourne. Pare essere il
tredicesimo caso di ritrovamento di carne SRM proveniente dalla
Germania. La Food Standard Agency inglese aveva già
segnalato il problema alla Commissione europea, che avrebbe inviato
istruzioni a tutti gli stati membri per assicurarsi che tutto il
midollo spinale degli animali macellati venga rimosso e
immdiatamente “messo in sicurezza” in quanto materiale a rischio
biologico. Solo in seguito le carcasse possono essere destinate…
a consumo umano…

Articoli correlati