I cambiamenti climatici fanno crollare la produzione di vino

La produzione di vino risulta in calo del 5%, nel 2016, a livello globale. Per colpa di inondazioni, grandinate eccezionali e severe ondate di siccità.

La produzione di vino a livello mondiale risulta in calo del 5 per cento, finora, nel corso del 2016. E le ragioni di tale contrazione sono legate a filo doppio ai cambiamenti climatici. A spiegarlo è stata l’Organizzazione internazionale della vigna e del vino (Oiv), secondo la quale la produzione stimata in tutto il mondo alla fine dell’anno in corso sarà pari a 259 milioni di ettolitri: “Un valore tra i più bassi degli ultimi 20 anni”.

Vino clima
Due produttori di vino in Spagna ©Jorge Sanz/Pacific Press/LightRocket via Getty Images

Il vino dell’America Latina è il più colpito

 

Si tratta di uno dei tre dati meno rosei registrati dal 2000 ad oggi. A risultare particolarmente colpita dai cambiamenti delle condizioni climatiche è l’area dell’America del Sud: secondo l’Oiv qui si è registrato un autentico crollo, che ha toccato punte del 35 per cento in Argentina e del 21 per cento in Cile. Ma i problemi sono sorti in tutto l’emisfero meridionale: “Il fenomeno di El Niño sembra essere di ritorno in America Latina – ha sottolineato Jean-Marie Aurand, direttore generale dell’organizzazione -, proprio dove la produzione è stata maggiormente colpita da piogge eccezionali”.

 
Al contrario, il Sudafrica ha dovuto fare i conti con gravi ondate di siccità, che hanno portato la produzione vinicola a calare del 19 per cento rispetto allo scorso anno. Ma anche in Europa la situazione registra un serio deterioramento: se la Spagna risulta in controtendenza, con un leggero aumento (+1 per cento, a 37,8 milioni di ettolitri stimati per il 2016), in Italia il calo sarà probabilmente pari a 2 punti percentuali. Ciò nonostante, il nostro paese mantiene la leadership mondiale in termini di produzione totale di vino, con 48,8 milioni di ettolitri stimati.

Vino clima
Una fase della vendemmia in Francia. La produzione di vino nel paese europeo è in calo del 12 per cento nel 2016 rispetto all’anno precedente ©Romain Perrocheau/Getty Images

Nella regione Champagne-Ardenne il calo è del 30%

 

Molto peggiore la situazione della Francia, dove le forti precipitazioni, le gelate e le grandinate eccezionali sono responsabili di un crollo che dovrebbe attestarsi attorno al 12 per cento. La regione dello Champagne-Ardenne, in particolare, vede la produzione in calo di quasi un terzo (-30 per cento). “A causa dei cambiamenti climatici, assistiamo ad un incremento dei fenomeni meteorologici estremi, la cui durata è sempre più lunga e la cui intensità aumenta costantemente”, ha aggiunto Aurand.

 

 

Articoli correlati