Il Canada legalizza la marijuana a scopo ricreativo

“Promessa mantenuta”, ha dichiarato il primo ministro del Canada dopo la legalizzazione della marijuana a scopo ricreativo. Cosa significa per i cittadini canadesi e per il resto del mondo.

Aggiornamento 17 ottobre – A partire da oggi la marijuana è legalmente acquistabile dai cittadini canadesi. È infatti entrato in vigore il Cannabis act, decreto che autorizza il consumo di cannabis a scopo ricreativo.


 

“Era troppo facile per i nostri figli comprare marijuana – e per i criminali trarne profitto. Da oggi, le cose cambiano”. Con questo tweet il primo ministro canadese Justin Trudeau ha commentato la decisione del senato di legalizzare la marijuana a scopo ricreativo. Dopo l’Uruguay, il Canada diventa così il secondo paese nel mondo e l’unico del G7 ad aver compiuto questa scelta, fatta eccezione per alcune località degli Stati Uniti e dell’America centro-meridionale. Nei prossimi mesi verrà sicuramente tenuto d’occhio dai governi delle altre nazioni per capire se sia vantaggioso imitarlo – cioè se la misura servirà a portare profitto alla casse statali e al tempo stesso contrastare la criminalità organizzata, oppure no.

Cosa prevede la nuova legge in Canada

Il decreto è stato approvato martedì 19 giugno con 52 voti a favore su 81; l’entrata in vigore è prevista per settembre. La cannabis sarà venduta presso negozi autorizzati o su internet da rivenditori con licenza e ciascun adulto potrà acquistarne fino a 30 grammi per volta. All’inizio non sarà possibile comprare prodotti derivati – ad esempio quelli commestibili – ma in casa propria la marijuana potrà essere consumata nel modo che si preferisce. Sarà inoltre possibile coltivare un massimo di quattro piante che non superino il metro di altezza. È probabile che i proprietari di appartamenti in affitto avranno l’opportunità di vietare il consumo all’interno dei propri immobili; a stabilire altri luoghi dove fumare saranno le singole province.

Leggi anche: Stati Uniti, arrivano gli influencer della marijuana per aggirare i divieti pubblicitari

Justin Trudeau in Canada legalizza marijuana a scopo ricreativo
Chiunque abbia compiuto la maggiore età potrà comprare fino a 30 grammi di marijuana per volta © Thought Catalog/Unsplash

Quali sono le possibile conseguenze della legalizzazione della marijuana

L’obiettivo è quello di contrastare il mercato illegale, ma raggiungerlo non è scontato: la marijuana non dovrà essere venduta a prezzi troppo alti, ma nemmeno irrisori perché così facendo ne verrebbe incentivato il consumo e chiaramente non è l’intenzione del governo canadese. Un altro rischio da non sottovalutare è l’eventualità che i trafficanti abbassino il costo delle droghe pesanti per rimediare alla perdita di guadagni.

Anche in Alaska, California, Maine, Colorado, Massachusetts, Nevada, Oregon, Vermont, nello stato di Washington e nel distretto di Columbia il consumo di cannabis a scopo ricreativo è legale. Nel Golden State esiste addirittura il cosiddetto “Uber della marijuana”, con il quale è possibile farsela recapitare direttamente a casa. Ciò che preoccupa è la pubblicità, soprattutto quella digitale, che rischia di aumentare l’utilizzo da parte dei giovani.

Articoli correlati
Nell’Iran di Raisi i giovani sono più esclusi che mai

Mentre la vittoria di un presidente conservatore in Iran era prevista, la società non crede più che il proprio voto possa fare la differenza. Ne abbiamo parlato con la giornalista Cecilia Sala e alcuni studenti iraniani.