I consigli della Lipu per aiutare i rondoni in difficoltà

In questa stagione è possibile trovare dei rondoni a terra, significa che sono in pericolo perché questi animali non si posano mai al suolo. La Lipu spiega come aiutarli.

I rondoni (Apus apus) sono creature straordinarie che la natura ha forgiato con un unico obiettivo: volare. Questi uccelli vivono l’intero ciclo vitale in volo, si posano solo nei nidi per deporre le uova. Le loro zampe sono molto corte e non consentono loro di spiccare il volo dal suolo né di camminare alla ricerca di cibo.

 

rondoni

 

Il rondone maggiore (Tachymarptis melba), dopo aver compiuto una migrazione di oltre duemila chilometri dall’Europa all’Africa, trascorre i successivi sei mesi ininterrottamente in volo, senza mai posarsi, neppure un istante. I rondoni cacciano in volo gli insetti senza rallentare la velocità e sono perfino in grado di dormire durante il volo.

 

In Italia è possibile osservare tre specie di rondone, il rondone comune (Apus apus), il rondone pallido (Apus pallidus) e il rondone maggiore (Tachymarptis melba). Questi uccelli non abbandonano il nido fino a che non sono completamente autosufficienti, è possibile però che atterrino per errore o incidente al suolo.

 

rondone maggiore

 

COME AIUTARE UN RONDONE CADUTO A TERRA

In questi casi è necessario aiutarli per salvare loro la vita. La Lipu ha redatto una breve guida per prestare il primo soccorso ai rondoni. È innanzitutto necessario capire se si tratta di giovane individuo incapace di volare o di un adulto sano. Il rondone adulto si distingue dal giovane perché quando le ali sono in posizione di riposo si incrociano sul dorso superando la coda di circa 2-3 cm.

 

Un rondone comune adulto, senza ferite, spesso torna a volare grazie alla semplice operazione di lancio. È sufficiente un delicato slancio in luoghi aperti vicini al sito di ritrovamento (non da balconi o posizioni elevate). Se dopo il lancio dovesse planare nuovamente al suolo, serve invece il ricovero in un Centro di recupero.

 

rondone a terra

 

Il rondone giovane ha ali tendenzialmente corte che in lunghezza non superano mai la coda e al massimo si incrociano di poco sul dorso. In questo caso non bisogna cercare di far volare l’animale, ancora troppo giovane per vivere in aria, bisogna consegnare l’uccello a un Centro di recupero.

 

Nell’attesa del ricovero lo si può adagiare in un contenitore di cartone, areato e buio per tranquillizzare l’uccello, sono sconsigliate le gabbiette nelle quali il rondone, insofferente alla cattività, potrebbe ferirsi. Nel caso il ricovero non sia immediato è possibile nutrire il rondone con piccole palline di carne macinata cruda di manzo, camole del miele e camole della farina. L’acqua può essergli somministrata da un contagocce o attraverso una siringa senza ago o anche con la punta del dito, lasciando cadere una goccia alla volta sulle narici.

 

COME FAR VOLARE UN RONDONE

Capirete che il rondone è pronto al volo, oltre che dalla lunghezza delle ali superiore a quella della coda, quando inizierà a rifiutare il cibo e a fare prove di volo nello scatolone (aprendo e sbattendo le ali con insistenza). La Lipu diffida dal fare lanci di prova perché il rondone comune non atterra sulle zampe ma sul petto e potrebbe riportare ferite.

 

rondone in volo

 

Fate questa prova, mettete il rondone sul pavimento a 3-10 metri da una finestra molto luminosa con la faccia rivolta verso l’esterno, se frullerà le ali e, nel tentare di raggiungere la fonte luminosa, si alzerà di 10-30 centimetri dal suolo significa che la sua muscolatura è pronta per il volo, se invece tenterà di nascondersi, o arrufferà le piume del dorso, o ancora si volterà con la coda verso la finestra, bisognerà aspettare ancora per restituire questo piccolo signore dei cieli al suo elemento naturale.

Articoli correlati