Cos’è il judo

Possiamo far rientrare il judo negli sport, o gli riconosciamo una validit

La cultura del tempo libero e degli hobby offre molti sport e fra
questi le Arti Marziali. Così il judo generalmente è
fatto rientrare tra queste discipline perché il mondo
occidentale ha trovato pratico fare delle categorie: lavoro,
sentimento, cultura, sport… così tutti possono inquadrare
tutto e convincersi di avere in pugno la realtà.

A cavallo tra l’800 e il ‘900 visse in Giappone Jigoro Kano.
Conosciamo bene la sua storia: egli agì laboriosamente in
quel periodo di grande fermento che va sotto il nome di
Restaurazione (del potere imperiale) in cui il Giappone ha
realizzato in 40 anni quella rivoluzione industriale che ha
impegnato l’Occidente per due secoli.
Da un punto di vista particolare, dato che osservava il mondo senza
i filtri della nostra cultura, egli vedeva la civiltà
occidentale travolgere il vecchio Giappone in economia, scienza
militare, tecnologia, commercio, religione, arte…

Apprezzava i vantaggi di questo cambiamento nel tenore di vita,
nell’allargamento della visione generale, nella realizzazione
d’ideali di fratellanza certo assenti nel medio evo nipponico.
Scrisse: “Dobbiamo tutto all’Occidente e questo un giorno potrebbe
esserci rinfacciato. Come potremmo ricambiare? Offrendo loro la
nostra esperienza di educazione”.

Creò il judo. Al liceo aveva praticato base-ball e negli
anni dell’università si era dato al jiu-jutsu, ma il primo
gli appariva come uno sport, mentre considerava il secondo una
disciplina di combattimento che la vita moderna aveva reso
obsoleta. Voleva proporre al mondo una forma d’educazione che
coinvolgesse il cuore (noi diremmo lo spirito) con la mente e il
corpo, rendendo efficaci gli sforzi dell’individuo a realizzare un
ideale sociale.
Associando la vecchia tecnica di combattimento ad un principio
morale non voleva creare un nuovo sport o un’arte marziale
micidiale, ma solo dare l’esempio di come si potesse impostare
educativamente l’attività fisica, la scuola, gli oratori, i
boy-scout… qualsiasi argomento che coinvolgesse i giovani.

Cesare Barioli
Insegnante di judo
Yudansha-Kai (Collegio delle Cinture Nere), Milano

Articoli correlati
Kumite: il combattimento del karate

Sono stati prodotti numerosi film dedicati al karate, risse e vendette consumate a suon di colpi “della gru”, improbabili ometti urlanti con fasce colorate sulla fronte e avvolti in bizzarri kimono dorati.

Kihon: le tecniche di base

Durante il kihon si migliora la propria resistenza, si acquisisce velocità nell’esecuzione, si rafforza lo spirito combattivo e si apprende come utilizzare le molte “armi” del nostro corpo.

La camminata

Molti corsi iniziano inserendo sin dalle prime ore “la camminata”. Eseguita al rallentatore consente un allenamento muscolare presente quasi esclusivamente in questa disciplina.