Il fondatore del qi gong

Laureato all’universit

Kenji Tokitsu, 55 anni, 8° dan, coniuga le doti di atleta a
quelle di saggista e ricercatore scientifico, caratteristiche che
gli hanno permesso di creare uno stile e una scuola che fanno
proprie e rendono attuali la ricerca di benessere fisico e crescita
spirituale che caratterizzava l’arte del combattimento delle
più antiche scuole cinesi e giapponesi.

Una prospettiva che, senza a cedere a esoterismi o a folklorico
misticismo, si fa ambasciatrice anche dei valori di quella
spiritualità semplice e quotidiana che è l’essenza
dello Zen.

Nell’ambito di questa ricerca, è nata la collaborazione con
il professor Toshihiko Yayama, responsabile dei reparti di
Chirurgia e di Medicina orientale presso l’ospedale della
Prefettura di Saga (Giappone).

Yayama, profondo conoscitore e studioso di qi gong, ha elaborato
con Tokitsu una speciale serie di esercizi, riuniti sotto il nome
di Jisei qi gong, pensati in funzione della duplice efficacia,
tecnica e energetica, che una pratica marziale come lo Shaolin
mon-Jiseido deve produrre.

Articoli correlati
Kumite: il combattimento del karate

Sono stati prodotti numerosi film dedicati al karate, risse e vendette consumate a suon di colpi “della gru”, improbabili ometti urlanti con fasce colorate sulla fronte e avvolti in bizzarri kimono dorati.

Kihon: le tecniche di base

Durante il kihon si migliora la propria resistenza, si acquisisce velocità nell’esecuzione, si rafforza lo spirito combattivo e si apprende come utilizzare le molte “armi” del nostro corpo.

La camminata

Molti corsi iniziano inserendo sin dalle prime ore “la camminata”. Eseguita al rallentatore consente un allenamento muscolare presente quasi esclusivamente in questa disciplina.

Praticare Tai Chi Chuan

Il Tai Chi Chuan fa parte della medicina cinese, insieme al Qi Gong, all’agopuntura, al Tui Na (massaggio) e a molte altre pratiche terapeutiche, porta la persona a percepire il proprio mondo interno in relazione all’universo in cui viviamo.