Daniele Vecchioni, la corsa come strumento per la meditazione

Una diretta dedicata alla corsa e a come migliorarsi, allenamento dopo allenamento, con i consigli di Daniele Vecchioni. La trovate su Igtv.

Dopo il buon successo della Smart Running Class organizzata da LifeGate e pensata per allenarsi in modo funzionale anche durante questo periodo di emergenza sanitaria, abbiamo realizzato una diretta insieme a Daniele Vecchioni, ideatore di Correre Naturale, per capire con lui com’è stato “allenarsi in casa” e come la corsa possa diventare uno strumento fondamentale per il nostro benessere.


Visualizza questo post su Instagram

Una chiacchierata con l’ideatore del metodo Correre Naturale®.

Un post condiviso da LifeGate (@lifegate) in data:

La corsa la paragono a volte alla meditazione. Bisogna però saperla padroneggiare”, racconta Vecchioni durante la diretta. “La domanda da porci è ‘riesci a goderti ogni singola corsa?’. Se la risposta è no, significa che non stiamo lavorando al meglio e che non si riesce a scaricare le tensioni, per godere del movimento”.

Correre bene significa infatti conoscere a fondo il corretto movimento di tutte le parti del corpo interessate, che devono lavorare in sincrono. “Siamo portati a pensare che lo sforzo ci faccia sfogare, ci faccia eliminare lo stress. Invece non è così, perché portare il corpo ad un’altà intenstà è un retaggio culturale che ci portiamo dietro e che non ti dà la posssibilità di rilassarti, anzi è il contrario”, spiega Vecchioni. “La corsa è un caricatore di energia, ma per poterla utilizzare al meglio serve un metodo. Per questo cerco di spiegare come migliorarsi. Così la corsa diventa uno strumento per stare meglio”.

Articoli correlati