La risposta di LifeGate al dopo referendum: energia rinnovabile in tutte le case per dire ‘No’ al petrolio

“È il momento di dare un messaggio forte ai petrolieri – afferma Enea Roveda, Ceo di LifeGate – per un futuro migliore per i nostri figli”.

Al di là di ogni appartenenza politica, l’analisi dell’affluenza al voto fornisce una risposta importante: 13,3 milioni di italiani hanno detto ‘No’ a fonti fossili e trivelle e considerano lo sviluppo delle rinnovabili e l’abbandono delle fossili un percorso fondamentale per il Paese e le future generazioni.

 

LifeGate, punto di riferimento per la sostenibilità in Italia e unica società privata voluta nel Comitato di ong per il ‘Sì’ al referendum, da oltre dieci anni dà energia rinnovabile e italiana a migliaia di piccole e medie imprese.

 

L'energia di LifeGate da oggi è disponibile per la casa. Dopo dieci anni che dà energia a migliaia di piccole e medie imprese, oggi LifeGate apre ai privati, anticipando il mercato libero
Insieme abbiamo l’energia per cambiare il mondo.

 

Oggi, LifeGate ha deciso di dare anche alle persone la possibilità di sceglierla per la propria casa.

 

“È il momento di dare un messaggio forte ai petrolieri, per un futuro migliore per i nostri figli. Scegliere energia rinnovabile per le nostre case è oggi la risposta concreta per dire ‘No’ a trivelle, favori alle lobby del petrolio, piattaforme in mare, disastri ambientali e sociali – afferma Enea Roveda, Ceo di LifeGate – Siamo certi che aumentando la richiesta di energia rinnovabile italiana avvieremo un percorso virtuoso che favorirà la produzione e la creazione di nuovi posti di lavoro nel nostro Paese, in un ambiente sano anche per gli stessi lavoratori”.

 

Questa esigenza di sostenibilità è confermata dai dati dell’Osservatorio LifeGate/Eumetra Monterosa sullo stile di vita sostenibile diffusi il 31 marzo, secondo i quali l’83 per cento degli italiani ritiene utile investire nelle energie rinnovabili e il 26 per cento si dichiara disponibile ad acquistare energia proveniente da fonti rinnovabili.

 

“È da dieci anni che LifeGate dà energia 100% rinnovabile e 100% italiana a migliaia di piccole e medie imprese – ribadisce Simone Molteni, direttore scientifico di LifeGate – quindi oggi dà a tutte le persone la possibilità di scegliere la propria energia di casa garantendone la provenienza da impianti situati in Italia e da fonti rinnovabili, esclusivamente idroelettriche, fotovoltaiche ed eoliche, certificate dal sistema GO (Garanzia d’origine) rilasciato dal Gse”.

 

L’Italia alla Cop 21 ha firmato degli impegni per il clima che dovranno essere rispettati e gesti piccoli ma importanti come questi – secondo LifeGate – sono la via per influenzare in modo efficace il nuovo piano energetico nazionale.

Articoli correlati