È tempo di Freedom of information act

Esiste in 90 Paesi. In Italia no. Una trentina di associazioni propone una legge per dare il diritto ai cittadini di avere accesso agli atti della Pa.

Si chiama Foia, acronimo che sta per Freedom of information act. In base a questa legge, la pubblica amministrazione ha obblighi di informazione, pubblicazione e trasparenza e i cittadini hanno diritto a chiedere ogni tipo di informazione prodotta e posseduta dalle amministrazioni che non contrastino con la sicurezza nazionale o la privacy.

 

Più di 90 Paesi nel mondo lo hanno adottato. L’Italia ancora no. Un gruppo formato da una trentina di associazioni ha lanciato il progetto FOIA4Italy per portare la trasparenza anche nello Stato Italiano.

 

“In Italia – scrive il FOIA4Italy – non esiste ancora un Freedom of Information Act: l’accesso agli atti amministrativi è disciplinato da una delle norme più restrittive d’Europa, la legge n. 241/1990, che prevede che l’accesso possa essere richiesto solo da chi ‘vi abbia interesse per la tutela di situazioni giuridicamente rilevanti’. Abbiamo quindi deciso di scrivere una proposta di legge che introduca, finalmente, anche nel nostro Paese una legge evoluta sull’accesso all’informazione: se approvata, la legge consentirà a chiunque (non solo ai cittadini) di poter conoscere tutti gli atti, documenti e dati formati e detenuti dalle Pubbliche amministrazioni, con poche e tassative eccezioni”.

Articoli correlati