Ebola fighters, quelli che lottano contro ebola sono Persona dell’anno 2014

I medici e coloro che stanno lottando contro il virus ebola, gli Ebola fighters, sono Persona dell’anno 2014 per la rivista americana Time. Al secondo posto i manifestanti di Ferguson, la città del Missouri dove sono nate la proteste della comunità afroamericana dopo l’uccisione di diversi ragazzi neri per mano della polizia. Il presidente russo

I medici e coloro che stanno lottando contro il virus ebola, gli Ebola fighters, sono Persona dell’anno 2014 per la rivista americana Time. Al secondo posto i manifestanti di Ferguson, la città del Missouri dove sono nate la proteste della comunità afroamericana dopo l’uccisione di diversi ragazzi neri per mano della polizia. Il presidente russo Vladimir Putin si piazza al terzo posto.

 

La giornalista Nancy Gibbs è l’autrice dell’articolo che spiega le motivazioni che hanno spinto il settimanale a scegliere gli Ebola fighters: “Per decenni il virus ebola ha ossessionato i villaggi rurali africani come una specie di mostro mitologico che a intervalli di anni chiedeva un sacrificio umano e poi tornava nelle sue caverne. Ha raggiunto l’occidente solo sotto forma di incubo, una specie di dramma hollywoodiano che faceva sanguinare gli occhi, che scioglieva gli organi e faceva disperare i medici” spiega Gibbs. “Ma le persone sul campo, il personale di Medici senza frontiere, di Samaritan’s Purse e di molte altre organizzazioni hanno lottato a fianco dei medici locali e delle infermiere, degli autisti di ambulanze e di chi si è occupato di seppellire i morti”.

 

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Articoli correlati
La strage dei bambini a Gaza nella foto vincitrice del World press photo 2024

Si chiamava Saly, aveva cinque anni. Nello scatto vincitore del World press photo 2024, il concorso di fotogiornalismo più importante al mondo, non si vede un centimetro del suo corpo senza vita. E non si vede nemmeno il volto della zia, Ines Abu Maamar, che lo stringe forte a sé. Mohammad Salem, fotografo dell’agenzia Reuters,