Fare dell’Europa un grande parco eolico potrebbe dare energia al mondo intero

In Europa ci sono 5 milioni di chilometri quadrati potenzialmente disponibili per accogliere parchi eolici per una potenza di oltre 52mila GW, sufficiente a soddisfare la domanda mondiale di energia.

Se in Europa ci fossero pale eoliche in ogni area potenzialmente idonea, il vecchio continente potrebbe generare energia sufficiente per soddisfare la domanda energetica del mondo intero. È quanto hanno rilevato i ricercatori dell’Università del Sussex nel Regno Unito e dell’Università di Aarhus in Danimarca, secondo i quali 4,9 milioni di chilometri quadrati in Europa, pari al 46% del territorio, potrebbero ospitare turbine eoliche, dopo aver escluso aree urbane, siti militari e altri paesaggi inadatti per sfruttare il vento.

Mappa del potenziale eolico in Europa
Mappatura della potenzialità eolica in Europa © University of Sussex, Aarhus University

La mappa del vento in Europa

I ricercatori, attraverso il satellite Copernico, gli atlanti eolici, le mappe e le cartografie, e i database normativi e regolatori delle singole regioni e nazioni, hanno sviluppato tecniche per mappare il potenziale dell’energia eolica on-shore in tutto il continente europeo. I paesi dell’Europa orientale offrono il maggior potenziale per generare nuova energia eolica a terra, e in particolare i paesi europei non appartenenti all’Unione, come Russia, Turchia Norvegia.

Lo studio stima che, in linea teorica, oltre 11 milioni di nuove turbine eoliche potrebbero essere installate su quasi 5 milioni di chilometri quadrati di aree idonee. Secondo la ricerca l’Europa potrebbe così produrre 100 volte più energia di quanta ne producono attualmente i parchi eolici presenti a livello globale e 270 volte l’eolico europeo installato sia a terra che in mare.

I numeri del report

Le aree disponibili consentirebbero l’installazione di 11,6 milioni di macchine, con una potenza totale di 52.500 GW. A fine 2018 l’installato eolico a livello mondiale era di 486 GW, mentre in Ue la capacità totale ammontava a 189 GW. Parliamo di 1 MW di potenza per ogni 16 abitanti e la produzione elettrica totale sarebbe più di un centinaio di volte quella attuale dell’eolico europeo. Lo studio considera macchine eoliche più efficienti e potenti (4,5 MW) rispetto a quelle utilizzate oggi che sono in media di 2-3 MW.

Molta teoria, poca pratica

Il rapporto conclude che se il potenziale fosse sfruttato appieno, l’Europa potrebbe fornire all’intero pianeta tutta l’energia di cui avrà bisogno nel 2050. Il condizionale è però d’obbligo, i ricercatori sottolineano infatti che questa non è una proposta, ma un’indicazione della potenza non sfruttata del potenziale eolico. È quindi un forte messaggio per i decisori politici. “Ovviamente, non stiamo dicendo che dovremmo installare turbine in tutti i siti identificati, ma lo studio mostra l’enorme potenziale di energia eolica in tutta Europa che deve essere sfruttato se vogliamo evitare una catastrofe climatica”, ha detto il coautore Benjamin Sovacool, professore di politica energetica all’Università del Sussex.

 

Articoli correlati